NewsSmart Tag

Con i tag per la localizzazione tutto è a portata di mano






Un settore ancora poco sviluppato ma in rapida crescita. I tag per la localizzazione aiuteranno a non perdere oggetti, animali e persone

Anche se per buona parte dipendente dal GPS e altri sistemi satellitari simili, il mercato della localizzazione in generale è più ampio. Dal semplice tag attaccato a un oggetto per rintracciarlo in caso di smarrimento, alla possibilità di sorvegliare animali domestici o bambini lasciandoli comunque liberi di muoversi, le applicazioni sono svariate.

Aspetto più importante, in costante crescita. Secondo quanto calcolato da MarketsandMarkets, anche in misura considerevole. Precisamente, si parla di una stima di 5,2 miliardi di dollari entro la fine dell’anno, per salire fino a 16,2 miliardi di dollari entro il 2028. In pratica, in tasso di crescita annuale del 25,5%.

A ciascuno il proprio tracker

Facile quindi aspettarsi nei prossimi ani una serie di novità di un certo rilievo. Non a caso, un settore dove anche Apple ha già reclamato spazi con le varie versioni di AirTag. Ma già anche abbastanza sviluppato grazie a pionieri meno noti, tra cui Movetrack o Kitty per gli animali domestici, o Bike Tracker a difesa della bicicletta.

Un’offerta in rapida crescita ed espansione, con potenziali ripercussioni molto interessanti per gli utenti interessati. Facile infatti aspettarsi nei prossimi tempi novità sia sul fronte delle applicazioni, ma anche per quanto riguarda flessibilità e affidabilità.

L’evoluzione dei tag di localizzazione procederà quindi su un doppio binario. Da una parte, i fornitori di tecnologia per la naturale evoluzione dell’hardware. Dall’altra, chi sarà in grado di sfruttarla al meglio, sviluppando le relative applicazioni.

Costi e applicazioni, le sfide da affrontare

Le caratteristiche della soluzione sono tali da richiedere un grande affidabilità in termini di autonomia e precisione nell’indicare la posizione. Un localizzatore infatti, è pensato per essere installato e dimenticarsene fino al momento in cui torna indispensabile. Pensare di trovarlo scarico se non dopo mesi, ma anche anni, è un’ipotesi da non prendere neppure in considerazione.

Il tutto però, avrà come prevedibile anche un costo. Non molto diversamente da quanto successo con gli operatori di telefonia, sarà importante trovare la formula giusta. Il costo del canone per il servizio sarà solo una parte, perché da valutare nell’offerta dovranno esserci anche manutenzione e assistenza. Per esempio, l’avviso quando è vicina alla necessità di una ricarica o eventuali anomalie nel segnale.

Oggetti personali e animali domestici, sono oggi le applicazioni più note dei tag di localizzazione. La vera sfida però si giocherà su settori più importanti per numeri e relativi investimenti. Dal tracciare merci o persone in situazioni critiche, fino all’assistenza e la cura dei malati, sarà solo questione di tempo. Valutando anche le prevedibili questioni legate alla privacy e alla tutela dei dati.

Pubblicato il 7/8/2023


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *