Meno visore più smartglasses, TCL rilancia Nxtwear AIR






L’evoluzione del progetto Nxtwear AIR di TLC riduce peso e dimensioni del visore, simile a smartglasses nell’aspetto meno nelle funzioni

Dopo un primo approccio a realtà virtuale e realtà aumentata con il progetto di un visore presentato esattamente un anno fa, Nxtwear AIR di TCL cambia leggermente rotta in direzione di un paio di smartglasses. O almeno, così sembrano all’apparenza.

Sotto la spinta della decisione Meta di orientare Facebook in direzione del Metaverso e quindi di un ambiente social virtuale, gli smartglasses hanno improvvisamente ripreso vigore e TCL vuole così essere della partita.

Meno visore più smartglasses, o quasi

L’anno di lavoro degli ingegneri ha portato a risultati evidenti. Nxtwear AIR hanno prima di tutto linee decisamente più discrete, sia rispetto alla versione originale sia ai tradizionali smartglasses attualmente in circolazione.

Se non proprio una montatura paragonabile a quelle tradizionali per dimensioni e peso, sicuramente un interessante passo in avanti. Soprattutto però, a invogliare i potenziali acquirenti sarà la promessa di versatilità.

Scelta infatti non scontata, i Nxtwear AIR utilizzano due display, da 1.080p. Quindi, qualità visiva in alta definizione, utile per la visione di contenuti e film. Secondo TCL, l’equivalente di uno schero da 140” guardato a una distanza di quattro metri.

La resa audio è invece affidata a una coppia di speaker, integrati nelle stanghette. Se però si preferisce la privacy, la connessione Bluetooth permette di utilizzare anche comuni cuffie o auricolari.

Versatilità e riservatezza

Altro aspetto sul quale l’azienda ha lavorato da subito, è l’impiego abbinato a un notebook, come alternativa allo schermo, così da migliorare l’ergonomia dell’utilizzo in mobilità, ma anche come semplice supporto alla privacy in ambienti affollati. Per esempio, durante un viaggio in treno o in aereo.

Al momento, TCL non fornisce ulteriori dettagli. Dando però per scontata la possibilità di gestire notifiche sul display di Nxtwear AIR, restano le limitaizoni legate alla connessione via cavo al dispositivo (smartphone, notebook, PC o altro), e soprattutto su disponibilità e costi. In definitiva, una sota di brido: la qualità di un visore con almeno in parta la praticità degli smartglasses.


Pubblicato il 10/1/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: