NewsSmartwatch

Un posto per Galaxy Watch 6 tra gli smartwatch dell’anno






Lo smartwatch dell’anno secondo Android Headlines sono i Samsung Galaxy Watch 6, per l’ottimo equilibrio tra novità, prezzo e prestazioni

Nei consueti bilanci e riassunti di fine anno, spicca una interessante novità quando si parla di smartwatch. Nelle valutazioni sui modelli più innovativi o di successo, per una volta la risposta è meno scontata del solito. Almeno, per quanto riguarda il giudizio Android Headlines, il prodotto migliore per il 2023 è Samsung Galaxy Watch 6.

Complice forse la carenze di vere novità in Apple Watch 9 e un Google Pixel Watch ancora alla ricerca di una vera identità, questa volta il riconoscimento è rivolto più alla sostanza e meno all’apparenza.

Un premio alla concretezza

Il giudizio è infatti legato in minima parte al design, molto simile alla versione precedente, mentre ben diverso è il discorso sull’innovazione. A partire da Wear OS 4, abbinato a un salto di qualità nelle prestazioni e relative ripercussioni positive anche sull’autonomia.

D’altra parte, come sottolinea la testata USA, le principali caratteristiche apprezzate anche dagli utenti. Di Galaxy Watch 6 però, si apprezza anche l’insieme, a partire dalla praticità della ghiera ruotante, particolarmente utile e al tempo stesso soluzione elegante per districarsi tra le varie funzioni.

In più, l’aspetto non trascurabile di essere più abbordabile rispetto ai diretti rivali. Anche se cifre comunque intorno ai 300 euro non sono poche per uno smartwatch, sempre meno dei diretti contendenti.

Samsung ha trovato la risposta giusta

A favore dei Galaxy Watch 6 gioca quindi la buona combinazione. Configurazioni equilibrate con tutto quanto in genere l’utente cerca. Dimensioni del display, qualità visiva, autonomia e supporto per ogni momento della giornata, dallo sport al tempo libero, dalle notifiche alle chiamate, dall’analisi del sonno allo stress.

Per finire, la prospettiva di segnare una nuova generazione di smartwatch, restare cioè punto di riferimento per l’intero settore, a partire da un sistema operativo ottimo candidato a diventare standard meglio di quanto siano riusciti a fare finora i rivali, Google compresa.

Pubblicato il 26/12/2023


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *