Sense 2 e Versa 4 pronti ad aprire la nuova era Fitbit






Prime anticipazioni su Sense 2 e Versa 4, i nuovi smartwatch Fitbit attesi per l’autunno insieme a Inspire 2. I primi dell’era Google

Per gli appassionati Fitbit, l’attesa per i nuovo smartwatch inizia ad avere i giorni contati. Come documenta infatti 91mobiles, è in arrivo in autunno un vero e proprio rinnovo totale di gamma, a partire da Sense 2, fino a Versa 4. Con buona probabilità esteso anche Inspire 3.

La curiosità e le preoccupazioni per il passaggio dell’azienda nelle mani di Google troveranno quindi dopo un paio di anni le prime risposte concrete. Se e quanto l’acquisizione influisce sulle strategie di uno dei pionieri del mondo wearable.

Non si tratta ancora di immagini dei prototipi. Al momento, si parla di rendering, con qualità e dettagli però tali da far emergere diverse indicazioni interessanti.

Prima di tutto, un passo avanti verso la concretezze. Il tanto elegante quanto poco pratico pulsante capacitivo sulla sinistra della cassa di Sense 2 e Versa 4 sembra destinato a lasciare posto al ritorno di un vero e proprio tasto. Certamente discreto, ma a tutti gli effetti autentico.

Foto: 91mobiles

Sense 2 punta in alto

Per quanto riguarda il modello di punta, a cui sono affidate le responsabilità di reggere il confronto diretto con Apple Watch, difficile al momento entrare nel dettaglio della caratteristiche tecniche.

C’è però una certa attesa per allargare il raggio d’azione delle funzioni sulla salute attualmente coperte da ECG e livello di ossigenazione del sangue. Meglio ancora, se con qualche passo avanti in termini di affidabilità e soprattutto praticità.

Tre i colori al momento appurati per la casa, all’insegna di una certa ricerca di eleganza. Si parla infatti di una tinta oro, un nero grafite e un lucido ispirato al platino.

Foto: 91mobiles

Versa 4 sempre più in salute

Un tocco cromatico in più caratterizza invece il prossimo Versa 3. Al fianco di un immancabile nero, ci sarà certamente un più coraggioso rosa non troppo intenso.

In questo caso, dalle immagini dei display si intuisce qualche novità. Un possibile punteggio complessivo sullo stato di salute – qualcosa ispirato all’indice PAI -, oppure anche un indicatore sul livello di energia complessiva dell’organismo.

Pulsante a parte, poche le novità sul design. Si intuisce però una potenziale riduzione nello spessore della cornice tra la cassa e il display.

Nell’insieme, resterà una sorta di versione più abbordabile per prezzi rispetto a Sense 2, e molto simile per dimensioni e design.

Soprattutto però, Sense 2 e Versa 4 saranno i primi veri annunci dalla piena integrazione con Google. Se il passaggio a WearOS al momento si può considerare impossibile o quasi, non è da escludere l’arrivo a breve, ma non in simultanea, di un nuovo modello Fitbit con il sistema operativo della casa madre.

Destinato eventualmente a rendere ancora più affollato l’autunno congiunto dei due marchi, considerando anche l’atteso arrivo del nuovo Pixel Watch.

Pubblicato il 5/8/2022


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: