Anno nuovo CES nuovo, garanzia di novità






Alle porte un’edizione in grande stile per la più importante rassegna del settore. Cresce il ruolo dei wearable, con annunci a tutto campo

Per il mondo della tecnologia, l’anno nuovo inizia ormai da tempo ben prima della fine delle festività. L’appuntamento con il CES, la più grande manifestazione del settore a livello mondiale, è infatti per l’8 gennaio, come sempre a Las Vegas.

Considerate le dimensioni dell’area espositiva di 762mila mq, distribuiti su tre aree della città nel Nevada, organizzare la trasferta con largo anticipo è quindi doveroso se non si vuole correre il rischio di una visita incompleta.

Una parte crescente della superficie e degli espositori sarà anche quest’anno occupata dal mondo wearable. Diversi gli annunci attesi da tutti i protagonisti del settore, affiancati da un ricco programma di convegni, a testimonianza del ruolo strategico dei dispositivi indossabili. È interessante quindi cercare di capire cosa ci si può aspettare.

Fitbit a tutto campo

Confermata la strategia Apple di riservare gli annunci a eventi dedicati, tra i protagonisti indiscussi è attesa prima di tutto Fitbit. A pochi passi da casa, l’azienda di San Francisco con buone probabilità rinnoverà uno dei prodotti simbolo, il tracker di base Flex, pronto per la versione 3. Da non escludere, anche novità su Alta 2 e Ionic 2, almeno per quanto riguarda le tempistiche.

Altro aspetto importante per Fitbit, annunci sul fronte software. Dopo il recente aggiornamento di sistema per Versa e Ionic, è attesa la formalizzazione del sistema di analisi del sonno più recente. Difficile invece, potersi attendere notizie sullo sblocco del sensore per il rilevamento della saturazione, soprattutto per i modelli destinati all’Europa.

Movesense protangonista della scena Suunto

Indirettamente, o quasi, al CES sarà presente anche Suunto. Nel senso, l’azienda finlandese sarà presente direttamente con uno stand, ma le novità vere e proprie saranno da ricercare nell’adozione della tecnologia Movesense. Tra i più promettenti, Morph Wear, sistema destinato al nuoto, ed Alma.care per tenere sotto controllo problemi di salute e mobilità all’avanzare degli anni.

Fossil allarga il campo

Un altro stand da tenere sotto controllo sarà Fossil. Arrivata alla quarta generazione, la tecnologia punta soprattutto su sensore cardiaco e GPS integrati negli smartwatch. In pratica, uno dei maggiori sostenitori di smartwatch indipendenti dagli smartphone. Più dei nuovi annunci, diversi gli aggiornamenti di prodotto attesi, tra cui Explorist HR, Q Venture HR, Fossil Sport e Skagen Falster.

Aspettando Withings

Withings è un marchio ancora poco noto in Italia, eppure la casa Francese ha tutte le potenzialità per affermarsi. Prima però, è necessario definire i rapporti un po’ tormentati con Nokia e superare definitivamente la separazione.

Nel frattempo, al CES sono dati in arrivo nuovi modelli per le gamme d tracker Pulse HR e Steel HR Sport. Il secondo in particolare, destinato ad allargare il raggio d’azione di uno dei prodotti di maggiore successo per l’azienda.

La sopresa attesa da Garmin

Infine, non poteva mancare una presenza Garmin a Las Vegas. Un altro dei marchi abituati a presentare novità tutto l’anno, con buona probabilità sfrutterà la ribalta del CES per un nuovo Forerunner, più completo sotto il profilo delle analisi. Anche La linea Fenix verrà rinfrescata, senza escludere annunci sul fronte tracker di base.

Non è da escludere infine, un colpo a sorpresa, con il debutto di un dispositivo di nuova concezione. Come suggerito dalla registrazione del marcio Marq, qualcosa intenzionato a combinare funzionalità per il fitness, il GPS in ambito outdoor, senza trascurare nuove frontiere sul design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.