Strava e Suunto unite alla ricerca del ritmo giusto per correre più forte

La collaborazione stringe il legame tra gli utenti di smartwatch e la community, con opzioni dedicate

Da una parte, lo standard ormai consolidato per registrare l’attività fisica, analizzarla e confrontarla. Dall’altra, uno di principali produttori di smartphone, sempre alla ricerca di nuovi spazi. Non sorprende quindi come Strava e Suunto abbiano deciso di stringere ulteriormente un legame intenzionato ad andare la semplice integrazione dei rispettivi sistemi, par aumentare il fattore di personalizzazione attraverso un’offerta congiunta.

Strava è infatti  uno dei principali partner di Suunto da tempi non sospetti, già nel 2014. Il numero degli atleti connessi cresce più rapidamente di quanto non sia mai avvenuto prima ed è apparso quindi naturale una maggiore integrazione tra l’app del marchio finlandese e la più grande community di atleti.

Inizialmente lanciata all’inizio del 2018 come complemento di Suunto 3 Fitness, l’app vuole ora rappresentare ora la soluzione digitale anche per il più recente modello di punta, Suunto 9, e per gli orologi della famiglia Spartan.

Uniti si corre

L’obiettivo è garantire ai membri della comunità Suunto la possibilità di condividere le proprie attività in modo automatico con Strava e sfruttare quindi gli ulteriori vantaggi del servizio, quali kudos, segmenti e funzionalità Summit. Inoltre, anche tutti gli altri orologi connessi del marchio sono compatibili attraverso il servizio Movescount.

La collaborazione prevede anche alcuni interessanti vantaggi. Gli utenti che connetteranno per la prima volta un orologio Suunto a Strava attraverso l’app dedicata, otterranno un periodo di prova di 60 giorni con accesso illimitato al servizio Summit di Strava.

Il rinnovato accordo rappresenta un passaggio importante nella strategia Suunto di allargare senza sosta il proprio ecosistema, alla luce anche degli importanti progressi mostrati negli ultimi anni dalla concorrenza. Obiettivo Suunto è quindi anche garantire la compatibilità con i maggiori fornitori di servizi digitali a livello globale, così da allargare il ventaglio delle opportunità offerte ai propri clienti, e spingersi ben oltre le mansioni tradizionali di uno smartwatch, date ormai per scontate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.