La lunga stagione di Apple Watch 8 è iniziata






Iniziano a girare voci su Apple Watch 8. Atteso per settembre, tra le attese nuovi sensori per la salute e assistenza per incidenti

Come una sorta di tradizione ormai irrinunciabile, con i primi mesi di un anno nuovo si inizia a sentire parlare anche della nuova versione di Apple Watch. Salvo soprese clamorose dell’ultimo momento, si tratterà di Watch 8.

Per adesso, naturalmente si parla ancora di anticipazioni molto generiche. Come insegna l’ultimo annuncio dello scorso settembre, spesso anche i rumors più quotati alla fine vengono smentiti. D’altra parte, l’atteso ritocco alle linee di Watch 7 potrebbe essere stato solo rimandato e questa è già una delle novità più attese.

Così come la versione definita rugged, dedicata alle situazioni d’uso più impegnative dove resistenza e affidabilità devono essere spinte ai massimi livelli. L’arrivo viene dato per certo, la data molto meno.

Obiettivo salute: glucosio, pressione e temperatura

L’attenzione Apple resta però concentrate soprattutto sugli aspetti legati alla salute. Punto forte dei Watch e principale sfida per i prossimi anni. Gli studi sulla possibilità di rilevare parametri come livello di glucosio espressione del sangue al polso proseguono.

Le indicazioni più recenti parlano di aziende partner a buon punto nell’utilizzo di un sensore a infrarossi, quindi senza strumenti invasivi come il bracciale gonfiabile o aghi, in grado di sfruttare lunghezze d’onda intorno ai 1.000 nm, abbinato a un fotodiodo.

I bene informati danno la funzione già entrata nella fase di test. Sulla durata della messa a punto però, al momento ancora niente di ben definito. Le possibilità di vederlo a settembre su Watch 8 tuttavia, aumentano.

Più probabile invece, l’arrivo di un sensore per la temperatura. Anche perché in questo caso non si può parlare di prima assoluta. A partire dal diretto rivale Fitbit Sense, e più di recente anche su Huawei e Amazfit, sono già diverse le opzioni disponibili e ad Apple non ha m ai fatto piacere inseguire.

Watch 8 al lavoro anche di notte

Dopo la comparsa nel 2020, anche in questo caso in leggero ritardo rispetto ai concorrenti, si aspettano progressi dall’analisi del sonno. Dalle prime funzioni generiche, i dati raccolti possono diventare utili per tracciare un quadro della salute più approfondito. Anche se per momento sempre senza certificazioni di livello medico, a migliorare o estendere opzioni come il rilevamento di potenziali apnee notturne e altre anomalie.

Nel bagaglio di competenze Apple, in questo caso ci sono strumenti utili per rilevare aspetti meno scontati, a partire dalle condizioni ambientali (temperatura e umidità della stanza) utili a influenzare la qualità del sonno.

A prova di incidente

Già consolidato il rilevamento di potenziali cadute, in Apple Watch 8 si attende anche un’evoluzione di questa modalità. L’idea allo studio è infatti essere in grado di intervenire in caso di incidente in automobile e inviare le richieste di soccorso del caso.

Sfruttando i dati di utenti volontari, la funzione è già in fase di test e i primi risultati vengono considerati incoraggianti. Non è invece ancora chiaro dove sarà fruibile. Se solamente alla guida di una macchina, oppure estesa anche a chi si muove in motocicletta, bicicletta o monopattino. Più in generale, a qualsiasi situazione di cadute, anche in casa.

Mancano però ancora sei mesi  circa prima dell’annuncio ufficiale di Appe Watch 8. Tanti per avere subito certezze, abbastanza per vederle confermate o smentite. Comunque sia, certamente se ne parlerà parecchio.


Pubblicato il 18/2/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: