Arriva l’ora di Fenix 7, lo smartwatch Garmin per eccellenza






Conferme e novità nel nuovo e atteso Garmin Fenix 7, anche con ricarica solare, torcia integrata e supporto esteso per lo sport

L’attesa degli ammiratori Garmin per il nuovo fenix 7 è finita. L’azienda ha infatti presentato ufficialmente la nuova generazione della gamma  ammiraglia dei prodotti multisport. Una serie di smartwatch destinata a essere indossata da atleti, esploratori, alpinisti e più in generale da tutti gli appassionati di tecnologia al servizio delle attività sportive, al chiuso o all’aperto.

In linea di massima, Fenix 7 rispetta buona arte delle anticipazioni diffuse da diversi mesi a questa parte. Non mancano però alcuni aspetti meno scontati, o comunque da osservare come interessanti novità.

La scelta Garmin è stata per una versione ricca di varianti per andare incontro alle diverse esigenze dall’attività svolta o anche solo per soddisfare i gusti. In comune a tutte, il menu a cinque pulsanti al quale si aggiunge ora l’alternativa dell’interfaccia touchscreen.

A ciascuno il propio Fenix 7

Qualche ritocco si nota anche sulle linee. Pur restando fedele a sé stesso, Fenix 7 ha i classici pulsanti laterali rinforzati in metallo, per migliorare la resistenza e favorire l’attivazione anche con i guanti. Inoltre, la lunetta è stata leggermente modificata, sempre in ottica di maggiore protezione.

Tre le varianti di misura per la cassa in acciaio, completata da componenti in titanio e zaffiro per la copertura. La scelta è tra diagonale da 42 mm, 47 mm o 51 mm. Il display misura invece 1,4” per una risoluzione di 280×280 pixel. Contrariamente alle attese, non è AMOLED. Confermata la variante con ricarica solare, per effetto della quale Garmin si spinge a dichiarare un’autonomia massima di cinque settimane in modalità standard e sei giorni utilizzano il GPS.

Al riguardo, sono diverse anche le opzioni per la cartografia. A seconda del modello, già installate si trovano le mappe SkiView dedicate allo sci alpino e fondo, sempre comunque scaricabili. Le mappe TopoActive più adatte al trekking e all’alpinismo possono anche essere scaricate in presenza di una connessione Wi-Fi. Sorattutto però, da sottolineare l’inedita possibilità di connettersi in simultanea ù a tutti e tre i sistemi sallitari più diffusi: GPS, GLONASS e Galileo.

Praticamente inedita, e soprattutto per nulla prevista, l’integrazione di un LED integrato nella cassa da usare come torcia. Una soluzione pensata per chi si muove in condizioni di scarsa visibilità e in grado di agire in modalità fissa o lampeggiante. Bianca o rossa a seconda delle necessità, può anche seguire il ritmo della corsa o dei passi.

Sempre in perfetta forma

L’attesa per il Fenix 7 era rivolta anche alle analisi per le attività registrate. Come previsto, si introduce la funzione Stamina. Sfruttando anche la nuova generazione di sensori, tra qui GEN 4 per la frequenza cardiaca, l’obiettivo è stimare i livelli energetici durante una prestazione in modo da ridurre il rischio di infortuni o semplicemente aiutare a dosare meglio le energie rimaste.

Inoltre, Visual Race Predictor combina le informazioni della cronologia della corsa e della forma fisica complessiva per fornire stime e proiezioni sui tempi di gara e approfondimenti sull’andamento dell’allenamento.

A gara conclusa, Recovery Time Advisor analizza diversi parametri come l’intensità e il carico dell’allenamento, lo stato, lo stress, la variabilità cardiaca, l’attività quotidiana e la qualità del sonno per stimare il numero di ore di riposo necessarie per il recupero prima di intraprendere una nuova sessione di allenamento.

Infine, la funzione Feed di allenamento giornalieri indica il training di corsa o di bici consigliato in base allo stato e al carico di allenamento attuale, oltre al livello di forma fisica generale.

Se uno smartwatch moderno è in grado di operare in autonomia, non significa voler comunque rinunciare sempre allo smartphone per gestire le funzioni. La rinnovata interfaccia Sync Setting permette quindi di impostare Fenix 7 da uno schermo più grande.

In tema di sicurezza non poteva mancare infine Incident Detection, con il rilevamento automatico di cadute accidentali e la possibilità di attivare il relativo invio di un messaggio geolocalizzato ai contatti di emergenza.

Rispettate anche le previsioni sul prezzo. Per la linea Fenix 7, Garmin indica cifre a partire dai 699 euro. Per la versione più sifisitcata però, con cassa da 51 mm, vetro in zaffiro e ricarica solare, si arriva a sfiorare i mille euro.


Pubblicato il 19/1/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: