Arriva Redmi Smart Band Pro, pronto a farne di tutti i colori






Display a colori e autonomia sono i punti di forza del Redmi Smart Band Pro, il nuovo tracker di Xiaomi

In attesa di scoprire come e quando Xiaomi rilancerà anche in Italia la sfida smartwatch con Watch 2, quasi sicuramente in due versioni, ci si può comunque accontentare con un’altra importante scommessa nella linea Redmi. È infatti in arrivo Smart Band Pro.

Versione riveduta e corretta del primo tracker a marchio Redmi, si allinea alla tendenza ormai diffusa di dispositivi più simili agli smartwatch per funzionalità e prestazioni, solamente più piccoli. Il nuovo arrivato rispecchia infatti i canoni di forme allungate, anche se guadagna qualcosa in larghezza, per un ingombro complessivo della cassa di 42,05×24,45 mm, in poco più di un centimetro di spessore e un peso quasi trascurabile di 15 grammi.

Colore, ma non troppo

Un primo risultato già interessante, soprattutto alla luce del display AMOLED da 1,47”, naturalmente a colori, con una risoluzione di 194×368 pixel. Unico appunto, la profondità cromatica, limitata a 8 bit, vale a dire 256 colori. Ampiamente sufficienti però per grafiche abbastanza chiare su una tale superficie.

Difficile però non notare una certa somiglianza, a essere discreti, con Huawei Watch Fit Le forme piuttosto elementari e le caratteristiche tecniche di base sono infatti molto simili.

La vocazione sportiva di Redmi Smart Band Pro

Redmi Smart Band Pro resta comunque un tracker in grado di andare incontro a diverse esigenze. A partire da quelle dei più sportivi, con oltre un centinaio di profili predefiniti per l’attività fisica da tracciare. Solo tre di queste però, vengono riconosciute in automatico: corsa, camminata e tapis roulant.

Per i relativi dati raccolti ci si può affidare anche al sensore del livello di ossigeno nel sangue, a titolo informativo, e dai quali ricavare le ormai canoniche analisi sul livello di stress e analisi del sonno. Per le donne, d’obbligo il supporto del ciclo mestruale.

Interessanti senza dubbi invece, le dichiarazioni relative all’autonomia. Per Xiaomi infatti, si può sfruttare il Redmi Smart Band Pro anche per venti giorni senza ricarica. Più verosimilmente, un paio di settimane con un utilizzo nella media. Situazione favorita anche dall’assenza del GPS.

Infine il prezzo. L’evoluzione del marchio da prodotti di primo livello verso qualcosa di più sofisticato inizia a farsi sentire sotto questo aspetto. Il costo di 49,99 euro, con data di consegna ancora da ufficializzare, resta tuttavia sempre inferiore rispetto ai modelli più curati soprattutto sotto il profilo estetico.


Pubblicato il 15/11/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: