Sensore in spalla, e nel calcio il gol è più vicino






Tracciando ogni movimento, il sensore per il calcio Soccerbee offre a giocatori e tecnici analisi dettagliate per migliorare le prestazioni

Coltivare il sogno di diventare un grande calciatore, o anche più semplicemente  migliorare la propria tecnica può diventare oggi più facile grazie a Soccerbee. Utilizzando un piccolo sensore da inserire nell’apposita tasca della pettorina disegnata su misura, ogni allenamento può trasformarsi in una serie di preziose indicazioni. Al servizio prima di tutto di sé stessi, ma all’occorrenza anche di tecnici e allenatori di calcio.

L’idea di fondo non si può considerare una novità assoluta. Casi di sensori per tracciare attività sportive sono ormai la regola e dopo corsa, bicicletta e altre discipline singole, ora l’attenzione si sposta sugli sport di squadra. Come facile prevedere, partendo dal più popolare.

Soccerbee al servizio della squadra

In situazioni del genere, più ancora del sensore, la differenza è legata alla fase di analisi. I dati raccolti durante un allenamento o una partita sono tantissimi e riuscire a trasformarli in informazioni utili non è scontato.

Soccerbee punta a questo. Probabilmente, anche una selle ragioni per cui il sensore non è tra i più piccoli finora arrivati sul mercato. Più grande di uno smartwatch,viene a trovarsi sulla schiena e di conseguenza difficilmente può rivelarsi un fastidio. D’altra parte, una soluzione al momento difficile da immaginare possa essere adottata in partite ufficiali.

L’importante, è la capacità di raccogliere informazioni precise, ed proprio qua dove inizia la vera sfida. L’obiettivo è tracciare qualsiasi movimento effettuato dal calciatore. A partire da distanza percorsa, velocità copertura del campo di gioco, accelerazioni, velocità durata e lunghezza delle accelerazioni, e tutto quanto possa succedere durante i novanta minuti.

Assist perfetto per andare in gol

Tutte informazioni prontamente trasferite al software di analisi al termine dell’attività. Moltiplicato per ogni giocatore, tutto questo significa ottenere un quadro dettagliato di come si è comportata la squadra.

Guardando al singolo, migliorare gestione degli sforzi, movimenti più efficaci e sintonia con i compagni. In pratica, rendere più efficace il propri contributo alla squadra.

Guardando invece al gruppo, capire se e come gli schemi vengano applicati, se le posizioni sono mantenute e tutto quanto possa portare a migliorare il rendimento.

Soccerbee non è naturalmente la prima soluzione di analisi applicata al calcio. In passato, diverse aziende, anche importanti a partire da SAP, hanno sfruttato competenze con i Big Data per ricavare le informazioni fornite alle squadre e visualizzate durante le partite in diretta. Soluzioni però, costruite intorno a riprese televisive, basate solo sui movimenti.

Ora, con il sensore direttamente indosso al calciatore, si aggiungono anche i parametri personali e si può contare su una visione più completa, all’interno della partita di calcio. Inoltre, i dati raccolti e caricati sul cloud a fine lavoro nel giro di pochi minuti, sono accessibili direttamente anche ai giocatori via smartphone.

Tutto questo però richiede un costo solo in parte giustificato dalla natura innovativa di Soccerbee. Completo di pettorina e app di analisi, il sensore per il calcio costa infatti 168,99 dollari, spese di spedizione escluse.


Pubblicato il 11/11/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: