Nel silenzio delle Razer Opus X entra in gioco la qualità






Prima di tutto vistose, le cuffie Razer Opus X si fanno apprezzare anche per resa sonora e un’ottima cancellazione del rumore

Come primo requisito, un paio di cuffie deve garantire un ascolto di qualità e un comfort in grado di poterle indossare a lungo. Non solo quando si parla di musica, ma ancora di più se la destinazione d’uso principale sono i videogiochi, dove la riproduzione fedele di ogni sfumatura sonora può cambiare la sensazione di una sessione. Nel pieno rispetto della filosofia Razer però, se riescono anche a farsi notare come le Opus X, ancora meglio.

Anche se con qualche sfumatura, nel complesso un obiettivo raggiunto. Qualche spazio di manovra certamente non manca. Come alternativa alle più professionali e costose, Opus, le Opus X sanno comunque mettersi subito in risalto, e non solo per le due tonalità rosa e verde acceso proposte di serie come alternativa a un bianco.

In bella mostra, e non solo per il colore

Prima di tutto per un’effettiva comodità. I 270 g di peso non sono pochi e in effetti si fanno sentire, ma più quando le si prendono in mano di quando si indossano. Grazie all’archetto e a i padiglioni imbottiti, con una buona distribuzione del peso, non serve molto prima di abituarsi ad averle in testa.

Ancora meglio, quando si inizia a usare le cuffie nel vero senso della parola. Si tratti sia di musica, di videogioco o semplice conversazione, la resa audio è decisamente buona. I driver da 40 mm fanno il proprio dovere nel riprodurre anche le sfumature meno accentuate e garantire una reale immersione sonora.

In più, nelle situazioni impegnative intervengono le altre opzioni a supporto delle Opus X. A partire dalla latenza di 60 ms, apprezzabile soprattutto quando si tratta di sincronizzare l’audio con immagini e video. Il Bluetooth 5.0 in questo caso si rivela prezioso, come d’altra parte anche per ridurre i consumi e raggiungere le 40 ore di autonomia promesse.

Silenzio, si ascolta

Un contributo importante arriva anche dei quattro microfoni integrati. Una prima coppia per garantire la comunicazione senza pericolo di malintesi. Importante in una conversazione telefonica e ancora di più durante una sessione di videogame di gruppo. Unico rischio, effetto naturale di un dispositivo molto bene isolato dall’ambiente circostante anche grazie al materiale impiegato per i padiglioni, la tentazione naturale di parlare a voce più alta del necessario. Se ci si torva in ambienti con altre persone, un piccolo dettaglio al quale porre attenzione.

Gli altri due microfoni assolvono invece a un’altra funzione, ormai anche questa considerata di serie su auricolari e cuffie di un certo livello, la cancellazione attiva del rumore. Anche in questo caso, il risultato è raggiunto in pieno. In certi casi, fin troppo.

Tre sono infatti le modalità disponibili, accessibili via app, pratica anche se fin troppo essenziale. Una per non sfruttare la funzione, fondamentale se si decide di usare le Opus X muovendosi per strada, e le altre due per scegliere il livello di isolamento. La modalità Attivo infatti, produce un isolamento realmente totale dal contesto. Per quanto suggestivo, sempre da valutare con una certa attenzione. Più moderato invece il risultato dell’opzione Ambiente, utile per concentrarsi comunque sul sonoro diffuso dalle cuffie mantenendo una minima percezione su cosa accada intorno, senza tuttavia interferire.

App essenziale

A proposito dell’app, ci si potrebbe aspettare qualcosa di più. Premesso che un lettore musicale dedicato non ci sarebbe stato male, le funzioni appaiono veramente ridotte all’essenziale. In particolare l’equalizzatore, dove è possibile agire solo su cinque modalità predefinite, senza la possibilità di regolazioni manuali.

Un po’ più di impegno ci sarebbe stato bene anche sul cavo USB-C in dotazione, lungo appena una decina di centimetri. Considerato il peso delle cuffie, non è necessariamente facile riuscire a caricarle in sicurezza trovando un appoggio.

Nel complesso però, difetti certamente minori. Una volta indossate e preso confidenza, le Opus X possono effettivamente diventare un ottimo compagna di giochi, e non solo. Anche il prezzo, di 109,99 euro si rivela in linea con le caratteristiche.


Pubblicato il 14/9/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: