Sotto il vestito c’è Myant, intimo smart sinonimo di salute e libertà






Primo risultato della tecnologia wearable Myant, le mutande smart Skiin tengono sotto controllo parametri vitali ed ECG, anche a distanza

Quando si parla di tecnologie smart applicate agli indumenti, in genere si tratta di magliette o scarpe. Myant invece, ha scelto di affrontare la sfida da un punto decisamente insolito, quello della biancheria intima.

Le prospettive sono curiose prima ancora di realmente interessanti. Per esempio, un paio di mutande con sensori in grado di leggere le sensazioni per riprodurre una playlist in sintonia con lo stato d’umore, Oppure, più pragmaticamente, un reggiseno pronto a rinfrescare l’ambiente interagendo con il termostato durante uno sforzo fisico, quando la temperatura corporea supera un certo limite.

I benefici dei wearable applicati agli indumenti sono ormai consolidati. La possibilità di un contatto costante e diretto con la superficie della pelle rende la lettura dei parametri più affidabili. Inoltre, la libertà di scegliere il punto del corpo più adatto, favorisce la ricerca della posizione ideale.

Il miglior sensore è il corpo umano

Per Myant appunto, è la zona coperta dalle mutande. L’inguine per esempio, è uno dei punti più affidabili per rilevare frequenza cardiaca e temperatura. Condizioni utili anche per eseguire un ECG.

Già in occasione del CES 2020, l’azienda aveva mostrato una sorta di tuta smart. Nono stante l’aspetto poco rassicurante, un prototipo in grado di comunicare in via bidirezionale con app  e altri strumenti, utile per garantire al lavoratore sicurezza e comfort durante il lavoro.

Oltre a essersi distinta negli ultimi mesi per la produzione e distribuzione di mascherine, lo sviluppo ha portato Myant  in una direzione ben precisa, quella appunto delle mutande.

Sicuri e protetti con discrezione

Skiin è il marchio destinato ad affrontare a breve la sfida del mercato. La differenza principale rispetto agli altri tessuti wearable è la totale mancanza, o quasi di sensori esterni applicati all’indumento. Tutto si riduce infatti a un dispositivo veramente minuscolo, inserito nella zona dell’elastico, La funzione di raccolta e trasmissione dei dati è infatti integrata nella trama.

All’evidente maggiore comfort, si sommano la praticità nell’indossare l’intimo anche con capi attillati e maggiore resistenza ai lavaggi, sfruttando l’apposita borsa protettiva in dotazione.

Uno studio clinico è già stato concluso, confermando sul campo le aspettative Myant. Ai candidati sono stati  rilevati i parametri di base e ci sarà la possibilità di sfruttare l’app per eseguire un ECG in qualsiasi situazione.  

Le mutande smart Skiin sono ormai prossime all’entrata in commercio, al prezzo di 99 dollari per quattro paia. Come primi potenziali destinatari, Myant ha individuato persone anziane o comunque con necessità di tenere sotto controllo i propri parametri vitali. Questo significa maggiore libertà di movimento. Oppure, per parenti e medici la possibilità per avere sempre sotto controllo da remoto le condizioni di salute di una persona.


Pubblicato il 27/4/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: