In arrivo Realme Watch 2, per chi ha tanta voglia di sport






Il nuovo Ralme Watch 2 pronto a coprire novanta discipline sportive, allungando l’autonomia. Aumentando solo di poco il prezzo

Alla ricca serie di anticipazioni nel mondo smartwatch degli ultimi giorni, si aggiunge anche Realme Watch 2. Con una differenza però, perché l’ultimo a essere esaminato dagli addetti ai lavori sarà anche il primo ad arrivare sul mercato.

L’annuncio di Watch 2 è infatti ormai ufficialmente previsto per il 30 aprile. Nell’occasione Realme andrà oltre, presentando anche una serie di altri prodotti, tra cui  una variante di Watch S, una coppia di auricolari total wireless, uno speaker portatile e altro ancora.

Niente salti nel buio

Al centro dell’attenzione sembra però destinato a restare Watch 2, sul quale le voci ormai si rincorrono da qualche giorno e permettono di definire con relativa certezza le caratteristiche principali.

Confermate le forme squadrate con angoli arrotondati, il display avrà una diagonale di 1,4”, per una risoluzione di 320×320 pixel. Non tra le più elevate in assoluto, considerando anche la dimensione, ma certamente in grado di raggiungere una buona qualità.

Passo avanti importante anche sull’autonomia, questa invece perfettamente allineata con le ultime tendenze. Si parla apertamente infatti di dodici giorni, grazie alla batteria da 305 mAh.

Realme Watch

Sport per tutti, senza GPS

Per assecondare la crescente domanda verso le discipline sportive registrabili, Watch 2 si appresta inoltre a passare dalle quattordici del primo modello alle novanta previste per quello in arrivo. Tra le più curiose, faranno la propria comparsa bowling, danza e pesca.

Poche invece le possibilità di poter contare su un modello con GPS integrato. La dotazione di sensori resta quindi limitata quelli di base, a partire dalla frequenza cardiaca. Prevista però, la lettura del livello di ossigenazione del sangue.

Anche perché uno dei maggiori punti di forza di Realme Watch 2 sarà il prezzo. Al riguardo, l’unico dubbio è la valuta di riferimento. A seconda della fonte si parla infatti di una cifra intorno ai 50 dollari o alle 50 sterline. In ogni caso, con un margine di circa 5 euro rispetto a una stima potenziale di 50 euro.

Fino all’ultimo momento però, sarà difficile, se non impossibile, conoscere tempi e modalità di distribuzione in Europa.


Pubblicato il 28/4/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: