Oltre a tutto, Viita Carbon offre anche la privacy dei dati






Alla scelta di materiali e componenti di qualità Viita Carbon abbina la scelta di salvare i dati sul cloud o solo sullo smartphone

Tra i tanti temi di confronto nel mondo smartwatch, finora nessuno o quasi si è occupato anche del trattamento dei dati. Viita Watches invece nella progettazione di Viita Carbon ha voluto considerare anche questo aspetto, senza tuttavia trascurare i dettagli fondamentali del dispositivo simbolo del mondo wearable.

Il problema non è per niente trascurabile. La serie continua di informazioni raccolte da uno smartwatch, al momento della sincronizzazione finisce automaticamente nel cloud. Per il cliente una sorta di archivio remoto certamente anche più sicuro. Per il produttore però, una miniera di informazioni personali di grande valore.

Nonostante gli impegni sulla riservatezza, per la natura stessa del cloud,  informazioni comunque soggette a furti o manipolazioni. Inoltre, rimesse in discussione di fronte a nuove eventi, come insegna il recente caso Fitbit-Google.

Uno smartwatch bello e riservato

Nasce così il progetto Viita Carbon, intenzionato a combinare anche questo aspetto nella progettazione di uno smartwatch, senza comprometterne in alcun modo funzionalità e prestazioni.

Il risultato è decisamente interessante. Viita Watchs non si può certo considerare un neofita del settore. Carbon può di conseguenza contare su tutti i requisiti del caso.

A partire da materiali di un certo livello per cassa e componenti, come titanio, polimeri di carbonio e zaffiro per il vetro a protezione del display.

Ne scaturisce un wearable rotondo da 46 mm di diametro e 16 m di altezza, con un display 320×290 pixel e una batteria da 496 mhA con durata massima dichiarata di una decina di giorni.

 A condizione naturalmente di sfruttare con estrema accortezza il GPS integrato. Elemento fondamentale per combinare la natura elegante con quella sportiva. Abbinata naturalmente al catalogo completo del monitoraggio quotidiano di passi, calorie e distanza e di quello notturno del sonno.

Sotto il controllo Viita Carbon anche i dati personali

Tutto questo però, con un’opzione in più. Al momento della sincronizzazione c’è libera scelta nel decidere se caricare i dati nel cloud o mantenerli invece solamente sullo smartphone. Aspetto importante, la scelta non preclude in alcun modo la piena funzionalità di Viita Carbon.

Spetta quindi all’utente valutare vantaggi e rischi. Da una parte, la sicurezza di avere i propri dati sempre disponibili in cloud, accessibili anche da canali alternativi. Dall’altra, maggiore controllo sulle informazioni personali ma anche il rischio di perderli se non si procede a backup in modo autonomo.

L’idea è originale, quindi per definizione interessante a da seguire per capire se e come si evolverà. Così come è interessante anche il prezzo, in linea con modelli con pari caratteristiche se non leggermente inferiore.

La proposta su Indiegogo è infatti di 219 euro, contro un listino pieno invece più ambizioso di 399 euro.

Pubblicato il: 25 Giugno 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.