La scossa BionicGym trova la forma migliore e non la perde più

Tanto innovativa quanto costosa, la fascia smart sfrutta un nuovo approccio della stimolazione elettrica

Per mancanza di tempo, per pigrizia o semplicemente per una combinazione delle due cose, spesso anche i migliori propositi di ritrovare o mantenere la forma fisica alla fine falliscono. Tra pomate e pastiglie miracolanti, attrezzi di ogni tipo e forma, la serie di potenziali rimedi proposti dal mercato a lungo termine tende a finire dimenticata in un armadio, in attesa di ritrovarsi relegata in cantina.

Una soluzione capace di attirare l’attenzione deve quindi essere capace di andare oltre, offrendo risultati certi e incondizionati. Per i più pigri, anche con il minimo impegno. Una potenziale risposta esiste e arriva dall’Irlanda. Una interessante combinazione di tecnologia e scienza applicata alla medicina, con la pronta benedizione di un nutrito numero di medici.

BionicGym è a prima vista qualcosa di molto simile a un elettrostimolatore, uno di quelli che in tanti probabilmente hanno già provato senza successo, attratti da modelli e modelli da fisici perfetti. In realtà però, l’approccio è diverso. Non si tratta di indurre una contrazione muscolare, nel caso specifico tra glutei e gambe, ma proprio di simulare uno sforzo fisico in piena regola.

In favore di BionicGym gioca l’estrema semplicità. Una minuscola unità di controllo collegata via Bluetooth all’app, si inserisce in una apposita fascia da fissare sulla coscia, all’altezza desiderata dopo aver effettuato una serie di prove. Scelto il livello di sforzo desiderato tra i quattro disponibili, dal dimagrimento all’allenamento vero e proprio, non resta altro se non avviare il tutto.

Qua entra in gioco la differenza scovata dei progettisti irlandesi. La contrazione muscolare indotta elettricamente è tale da richiamare una maggiore ossigenazione del muscolo. Da questa deriva un aumento del battito cardiaco e quindi della respirazione, il punto dolente dei sistemi tradizionali. In sostanza, una vera e propria simulazione completa dell’esercizio fisico.

La validità del sistema è stata testata a livello clinico, rivelandosi utile a diversi livelli. Oltre a favorire la perdita di peso o la modellazione dei muscoli, BionicGym si è dimostrata utile anche in fase di recupero dai infortuni, nell’ambito di una terapia completa. Inoltre, si può rivelare un complemento agli allenamenti, riducendo quindi il rischio di infortuni sotto sforzo.

Le premesse per una importante innovazione in campo di fitness e salute ci sono tutte. BionicGym sembra esserne consapevole, al punto da non esitare a chiedere 599 dollari per essere tra i primi a provare il sistema, cifra alla quale vanno aggiunti altri 50 dollari per la consegna in Italia. Non più invitante si rivela la possibilità di risparmiare cento dollari rinunciando alle funzioni per uso sportivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.