EsperienzeNewsSmartringSmartwatch

La maratona Amazfit al fianco di Kelvin Kiptum






Il campione di maratona keniota Kelvin Kiptum metterà alla prova smartwatch e smartring Amazfit per raggiungere nuovi traguardi

La migliore referenza per qualsiasi prodotto è la testimonianza diretta di chi lo utilizza nella propria attività, superando il ruolo di semplice testimonial. Interessante in questo senso l’accordo concluso da Amazfit, con Kelvin Kiptum, autore della miglior prestazione mondiale della maratona maschile, oltre a essere  l’unico atleta ad aver completato una gara in meno di due ore e un minuto.

Inoltre, il campione keniota non si limiterà a metterà alla prova le potenzialità di Cheetah Pro per gestire allenamenti e gare, ma si affiderà anche al più innovativo Helio Ring nell’intento di ottimizzare il recupero  in vista degli impegni futuri, tra cui quello importantissimo di Parigi 2024.

Impresa da campioni

Anche per Amazfit, una sfida non da poco. I risultati di Kiptum non permettono margine di errore. Trovare margini di miglioramento a un’impresa dagli addetti ai lavori considerata già ai limiti delle possibilità umane è sicuramente u traguardo ambizioso.

D’altra parte, anche un ottimo banco di prova per le tecnologie attuali e uno dei primi per un dispositivo ancora tutto da scoprire come lo smartring.

In fase di preparazione Kelvin utilizzarà regolarmente Cheetah Pro, testando così in situazioni al limite aspetti come l’antenna GPS a doppia banda circolare polarizzata MaxTrack, secondo Amazfit in grado di raggiungere il 99,5% della precisione. Aspetto molto importante per un maratoneta professionista, dove anche scarti di poche decine di centimetri possono falsare i dati di un allenamento.

Sfida oltre i limiti

Informazioni sfruttate da Zepp Coach, funzione di analisi pronta a fornisce piani e consigli personalizzati in preparazione di appuntamenti impegnativi come una maratona. Nella circostanza con la possibilità di valutare sul campo i nuovi algoritmi di intelligenza artificiale, utili soprattutto in fase di programmazione e prevenzione degli infortuni.

Interessante sarà anche valutare i risultati della seconda parte della collaborazione. Helio Ring, aiuterà infatti a seguire la risposta dell’organismo anche al di fuori di allenamenti e gare, valutando recupero, qualità del sonno, prontezza mentale e fisica e dello stato emotivo.

Dopo aver vinto anche le maratone a Valencia nel 2022 e a Londra nel 2023, il runner ventiquattrenne Kelvin Kiptum punta a un tempo intorno alle due ore nella  gara di Rotterdam in aprile e a conquistare l’oro alle Olimpiadi del 2024 a Parigi.

Pubblicato il 2/2/2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *