AudioNews

Dalle Accentum Plus non ci si stanca mai di ascoltare






L’ultima evoluzione delle cuffie Sennheiser Accentum Plus offre riconoscimento dei profili di ascolto personalizzati e tanta autonomia

Per convincere a scegliere la propria cuffia tra i tantissimi marchi sul mercato, è importante riuscire a offrire qualche cosa in più di realmente utile, e facile da comprendere. Anche u marchio affermato come Sennheiser non può più limitarsi alla popolarità. Un’impresa particolarmente impegnativa, dove le nuove Accentum Plus hanno però le caratteristiche per riuscirci.

Prezzo a parte, due infatti sono infatti gli aspetti più importanti, in grado di attirare l’attenzione anche dei meno esperti e distinguersi rispetto alla versione precedente. Prima di tutto, l’autonomia, fattore sul quale delle cuffie rispetto agli auricolari risultano avvantaggiate. Tuttavia, oltre a cinquanta ore di ascolto, in caso di emergenza le Accentum Plus promettono una ricarica di cinque ore in una decina di minuti.

Musica su misura

Aspetto sempre utile, certamente però poco esclusivo e neppure tanto originale. Dove Sennheiser intende fare la differenza nella circostanza. Grazie a dei test di personalizzazione del suono realizzati in collaborazione con il Fraunhofer Institute, è possibile creare un profilo adatto al proprio udito, senza procedere per tentativi.

La personalizzazione dell’ascolto permette di intervenire su sulla modalità Bass Boost e Podcast o attraverso l’equalizzatore a cinque bande integrato, ma anche via l’app di riferimento.

Silenzio, si ascolta

Su cuffie di questo livello non può inoltre mancare la cancellazione del rumore adattiva, in grado cioè di regolare l’assorbimento dei disturbi in modo dinamico in base all’ambiente circostante. Resta naturalmente sempre disponibile anche la Modalità Trasparenza, per mantenere la percezione di cosa accada intorno, direttamente dalle cuffie.

Le caratteristiche elle Accentum Plus portano inevitabilmente a un prezzo superiore alla media. Fissato da Sennheiser a 229,90 euro.

Pubblicato il 31/1/2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *