AudioNewsSport

Il casco smart aiuta i ciclisti a sentirsi meglio






La tecnologia Sena mette a disposizione dei ciclisti un casco smart utile per comunicare tra loro o con lo smartphone senza distrazioni

Quando si viaggia insieme ad altri persone, la comunicazione in moto o in bicicletta è un elemento essenziale e non altrettanto scontato. Soprattutto per i motociclisti, la soluzione migliore resta un sistema audio dedicato, integrato nel casco e collegato via Bluetooth. Esigenze non molto diverse a quelle ormai consolidate nel mondo del ciclismo, anche durante le gare, al quale lo specialista Sena Technologies mette a disposizione le proprie competenze con un casco smart per ciclisti.

L‘azienda ha infatti in catalogo una serie di modelli apprezzati tra i biker e prova ora a cercare spazi anche nel mondo delle due ruote, dove è ormai la regola durante una competizione vedere i ciclisti comunicare via radio con i propri direttori sportivi.

Un compito affidato a radioline inserite nella maglia e collegate via filo da un auricolare. Soluzione sicuramente efficace, ma non altrettanto pratica, alla quale Sena Technologies intende arrivare a proporre un’alternativa, parte.

Anche la comuniczione è sicurezza

Nel frattempo, sono già diverse le opzioni di casco smart proposte ai ciclisti amatoriali. Il più semplice è il modello M1/M1EVO, pensato per la Mountain bike, mentre R1/R1 EVO è più indicato per la città e il gravel. Infine, R2/R2 EVO è la versione per ciclismo da strada dal design sportivo e aerodinamico.

Le versioni base utilizzano il Bluetooth Intercom, per connettere fino a quattro persone in un raggio di novecento metri, e quella invece di più ampia portata. Le EVO invece sfruttano la possibilità di Mesh Intercom per connessioni virtualmente illimitate sempre con la stessa portata, estendibile però a 3,6 Km con un minimo di sei ciclisti, e tecnologia Multi Channel Open Mesh con nove canali.

Per chi vuole adattare il proprio casco e trasformarlo in casco smart per ciclisti è anche disponibile Pi, un soluzione per un vero e proprio smart helmet e connettere due ciclisti nel raggio di quattrocento metri. Si tratta di due unità con speaker, microfono e un controllo a due tasti si montano sui cinturini laterali.

Il casco smart per ciclisti in realtà può trasformarsi in qualcosa di più. Tutti i modelli Sena offrono infatti anche e connettività con lo smartphone per ascoltare musica, seguire le indicazioni GPS, ricevere feedback dalle App di fitness o semplicemente rispondere al telefono senza distrazioni.

Negli Smart Helmet il microfono è integrato nella rima anteriore del casco. La tecnologia Advanced Noise Control è incaricata di filtrare le interferenze del vento e dai rumori di fondo. Gli speaker sono collocati in modo da non coprire le orecchie per essere sempre consapevoli dei rumori della strada e dell’ambiente circostante.

Inoltre, sempre all’insegna della sicurezza, alcuni modelli sono dotati anche di luce di posizione integrata nella parte posteriore del casco.

Con o senza smartphone

Importante sottolineare, per la comunicazione non è indispensabile affidarsi a uno smartphone. È infatti possibile connettere i caschi direttamente tra loro per parlare in gruppo via Bluetooth Intercom o via Mesh Intercom a seconda del modello.

La prima può connettere tra loro fino a quattro utenti in qualità audio HD, mentre la seconda connette automaticamente tra loro tutti i dispositivi compatibili presenti nel raggio d’azione senza limite di connessioni né procedure di accoppiamento ed è quindi pensato per le uscite in gruppo. È anche possibile creare sottogruppi sfruttando i nove  canali della piattaforma Mesh

La convinzione Sena dei propri mezzi, ha già prodotto programmi ambiziosi. L’obiettivo è ampliare le proprie tecnologie instaurando collaborazioni con nomi prestigiosi dell’industria ciclistica.

Già oggi, l’azienda è partner ufficiale per le comunicazioni durante le gare della squadra professionale World Tour Team DSM. Gli ingegneri di Sena lavorano a stretto contatto con gli esperti di ricerca e sviluppo ella squdra, per sviluppare un sistema di comunicazione superiore che migliori significativamente il contatto tra ciclisti e allenatori.

Come facile prevedere, i prezzi di un casco smart per ciclisti sono più alti della media, anche se non lontani da quelli dei modelli più sofisticati. Si parla infatti di cifre superiori a 200 euro.

Pubblicato il 12/6/2023


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *