Ciclocomputer e smartwatch uniti grazie a Suunto e Hammerhead






L’accordo tra Suunto e Hammerhead permette di analizzare i dati raccolti da smartwatch e ciclocomputer da una visuale unica e condivisa

Sempre più persone hanno al polso uno smartwatch. D’altra parte, tutti i ciclisti o quasi, utilizzano un ciclocomputer. Per quanto strettamente correlate, dispositivi tuttavia praticamente indipendenti. Almeno fino a oggi, perché Suunto e Hammerhead hanno deciso di collaborare proprio per offrire a utenti, sportivi e non, il meglio delle due soluzioni.

Diverse sono le ragioni per prendere con favore questa notizia. Uno smartwatch è in grado di rilevare parametri, a partire dalla frequenza cardiaca, più complessi da leggere attraverso un comune ciclocomputer, se non utilizzando accessori dedicati. Sicuramente, tra la fascia toracica e il rilevamento al polso esiste ancora un divario a livello di affidabilità. In relazione però all’utilizzo. Per il cicloturista o il cicloamatore medio infatti, più che sufficiente ad avere un’idea della propria condizione.

Unione all’insegna del benessere

Inoltre,  il contributo della pratica del ciclismo contribuisce in misura importante al benessere complessivo, obiettivo dichiarato ormai principale degli smartwatch. Eppure, non esiste a oggi un sistema per caricare la registrazione di un’attività effettuata solo con il ciclocomputer nel profilo associato allo smartwatch.

Situazione non così trascurabile come può apparire, soprattutto in estate quando si esce in maniche corte o ci si muove in ambienti insidisosi. IN circostanze del genere un dispositivo al polso può risultare fastidioso, se non pericoloso. Sudore, impaccio o rischio di impattare un ostacolo, rami, insetti o simili, induce in genere ad affidarsi solamente al ciclocomputer.

In attesa di un, poco probabile al momento, accordo per un’interoperabilità più ampia o uno standard indipendente per il formato dei dati registrati, ben venga allora l’iniziativa di Suunto e Hammerhead.

Karoo 2 bevenuto nell’app Suunto

Al centro dell’accordo il ciclocomputer Karoo 2. Le atività registrate con il dispositivo saranno da oggi visibili nell’app Suunto. L’utilità è nel poter monitorare le prestazioni, oltre a poter condividere i dati con alcune centinaia di altre app, così da ampliare ulteriormente l’analisi della propria attività.

In particolare, anche attraverso la Hammerhead Dashboard i ciclisti avranno accesso alle Suunto Heatmaps, utili per seguire i percorsi più popolari.

Karoo 2 è il primo dispositivo non a marchio Suunto utilizzabile con l’app della casa finlandese, così come il primo dispositivo rivolto ai ciclisti in grado di visualizzare all’istante i percorsi più popolari, al quale è possibile contribuire condividendo le proprie registrazioni.

Pubblicato il 2/5/2022


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: