La visione Karoo 2 porta l’alta definizione sul ciclocomputer






Schermo full color nel ciclocomputer Karoo 2 di Hummerhead, pronto a competere per qualità, affidabilità e funzionalità

Con la rapida crescita nella domanda di biciclette, e relativi problemi di approvvigionamento, anche il mercato degli accessori vive un momento di rinnovato fermento. In particolare, dopo anni dominati da pochi marchi, anche la scelta di un ciclocomputer si sta allargando. Tra i nomi nuovi,  Hammerhead non va tanto per il sottile, puntando con Karoo 2 direttamente ai vertici del settore.

Il progetto è nato come volontà da parte di un gruppo di appassionati di mettere a punto qualcosa di veramente utile al ciclista in ogni situazione, e non dispositivi dettati soprattutto da logiche di mercato. Quindi, prima di tutto Karoo 2 è un sistema compatto di 6×10 cm circa, in 131 grammi di peso, con forme leggermente asimmetriche, quasi ad assecondare una prospettiva.

Pensato da ciclisti per i ciclisti

Secondo i progettisti infatti, contesto d’uso e distanza dal ciclo computer non rendono necessari ingombri maggiori, più vicini a quelli di uno smartphone. Anche perché il ciclocomputer Hammerhead utilizza uno schermo da 3,2”. Misura nella media, con la differenza della qualità di uno schermo a colori, tra i primi in assoluto a coprire 16,7 milioni di colori. Quindi, immagini e grafica molto più precise e ben visibili in ogni situazione.

Anche perché, assicura l’azienda, la resistenza agli agenti atmosferici è ai massimi livelli. In ragione di questo, in alternativa allo schermo touchcsreen sono stati mantenuti i classici pulsanti lungo il profilo, più pratici in condizioni di pioggia o con le mani sudate.

Come facile intuire, Karoo 2 è la seconda generazione dei prodotti Hammerhead. In pratica però, il primo vero e proprio modello pronto a competere con i rivali più blasonati. Non a caso, diventato il 40% più compatto nelle dimensioni e il 33% più leggero rispetto al precedente.

Tra gli aspetti più innovativi, la connettività ai massimi livelli oggi disponibili, anche in totale autonomia. Oltre a Bluetooth e Wi-Fi, sono infatti integrati 4G e 5G. Senza naturalmente dimenticare la compatibilità ANT+ per i sensori tecnici e il GPS.

Inoltre, un minuscolo speaker supporta le indicazioni visive con segnali audio, utili per segnalare le svolte e i pericoli durante la navigazione. Oppure, pi semplicemente per richiamare l’attenzione all’arrivo di una notifica sullo smartphone.

Karoo 2, compagno di avventura prima durante e dopo

Sul fronte delle informazioni visualizzate sullo schermo, la possibilità di organizzare tutti i parametri disponibili a proprio piacere, oltre a poter contare su combinazioni predefinite. In più, modalità dedicate alle salite e l’ormai inevitabile visualizzazione dei segmenti Strava.

Su un altro aspetto Karoo 2 punta a distinguersi, almeno in parte. I progettisti hanno infatti voluto sviluppare anche un tipo di attacco al manubrio completamente dedicato. Per quello diventato però ormai diventato standard, l’attacco introdotto da Garmin, è disponibile un adattatore.

Le ambizioni Hammerhead si ritrovano anche nel prezzo di 399 euro, certamente non tra i più abbordabili. Per il supporto addizionale, il primo è di serie, sono necessari altri 40 euro, mentre l’adattatore costa 15 euro.


Pubblicato il 5/5/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: