Con Pixel Watch prende forma la nuova sfida Google






Mancano pochi dettagli per Pixel Watch, la sfida Google nel mondo smartwatch. Forme rotonde e sottili, e naturalmente Wear OS

Dopo il successo al momento solo parziale del sistema operativo Wear OS, Google è quasi pronta a entrare ufficialmente nel mondo smartwatch con un proprio modello. Salvo sorprese dell’ultima ora, destinato a chiamarsi Pixel Watch.

Quelle fornite da Jan Prosser, tra le fonti più affidabili quando si parla di anticipazioni nel settore, sono infatti indicazioni ormai evidenti di quanto sia vicino l’arrivo dello smartwatch Google.

Pixel Watch a tutto tondo

Alcune immagini parlano abbastanza chiaro. Secondo quanto risulta da documentazione di marketing diffusa da persone all’interno dell’azienda, Pixel Watch avrà forme tonde, cassa sottile, un singolo pulsante sulla destra e sarà privo di corona  mobile, da usare per navigare nel sistema.

Data per certa, anche la presenza di un sensore per la frequenza cardiaca, mentre ancora da sciogliere i dubbi su una maggiore attenzione da subito allo sport e all’attività fisica in genere, integrando quindi anche il monitoraggio del livello di ossigenazione del sangue e il GPS.

All’apparenza, emerge la volontà Google di distinguersi nettamente da Apple Watch, proprio a partire dalle forme. Maggiore sintonia invece, sulle potenzialità commerciali di proporre una serie di cinturini intercambiabili. Già da ora, ne sono previsti almeno una ventina.

Sulle linee generali invece Pixel Watch sembra allineato maggiormente alla maggior parte dei modelli che attualmente adottano Wear OS. Per lo più prodotti di fascia medio-alta, quasi sempre hanno proprio la cassa rotonda.

Almeno nelle fasi iniziali, una ragione per andare più sul sicuro. A differenza del software e del Web, la storia di Google sul fronte prodotti non si può certo considerare altrettanto di successo. Tra smartphone, auricolari e smartglasses, difficile individuare la delusione maggiore.

In arrivo a ottobre, fornitori permettendo

D’altra parte, risultati invidiabili sono arrivati proprio dagli accordi per l’utilizzo del sistema operativo. Uno dei più importanti, quello concluso nel 2019 con Fossil produttore e proprietario di diversi marchi di smartwatch e ottima credenziale per competere con gli estimatori di Apple Watch e gli altri pretendenti.

La data prevista per il lancio ufficiale di Pixel Watch è per l’autunno, più precisamente verso ottobre. Come per l’intero mondo della tecnologia, bisogna però iniziare a tenere seriamente in considerazione le difficoltà sempre più evidenti nella fornitura dei componenti.

La produzione e le consegne continuano a procedere a rilento. I ritardi si accumulano sin dalle materie prime e la situazione non da segni di miglioramento. A ritardare i piani Google, come di tutti gli altri produttori, questa volta potrebbero non essere i favori dei clienti ma i problemi di produzione.


Pubblicato il 14/4/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.