Il calcio d’inizio Adidas GRM per diventare protagonisti di FIFA Mobile






La speciale soletta con sensore Adidas GRM sfrutta la tecnologia Google Jaquard per essere in campo con la propria squadra dei propri sogni

Giocare una partita di calcio al fianco del proprio campione preferito, per i più è destinato a restare un sogno. Grazie però ad Adidas GRM, frutto della collaborazione con Google Jaquard ed EA Sports con FIFA Mobile, è possibile andarci molto vicino. Almeno, in senso virtuale.

Questo grazie prima di tutto a un sensore da inserire in un’apposita soletta disegnata da Adidas. Compatibile con la maggior parte delle scarpe da calcio, è abbastanza piccolo da non influire in alcun modo sulle prestazioni di gioco.

L’intelligenza prende piede

In compenso, un concentrato di tecnologia grazie al quale sperimentare nuove sensazioni. Il sensore Adidas GMR  integra infatti giroscopio, accelerometro e un minuscolo processore, sufficiente a elaborare e memorizzare i dati riferiti a distanza percorsa durante una partita, velocità della corsa, numero e forza dei tiri a rete.

Qui, entra in gioco la tecnologia Jaquard di Google, con l’algoritmo di intelligenza artificiale pronto a fare il resto. Dall’app Adidas GMR i dati vengono infatti sincronizzati con l’app FIFA Mobile ed elaborati.

In questo modo, settimana dopo settimana verranno proposte nuove sfide da affrontare e risultati da raggiungere, contribuendo a costruire un profilo di calciatore personale all’interno del videogioco.

In FIFA Mobile da protagonisti

Arrivati a livelli competitivi, sarà infine possibile inserire la propria versione di calciatore virtuale nella lista di quelli disponibili, entrando così a tutti gli effetti a far parte della squadra desiderata per giocare al fianco dei campioni più rinomati.

Adidas GRM costa intorno ai 40 dollari. La confezione include la coppia di solette, entrambe compatibili con il sensore, e un adattatore per il piede nel quale non viene inserito. L’indicazione è di installare il sensore nella scarpa del piede dominante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.