Così Fingerbot da una mano a portare la domotica in casa






Curiosa ed efficace il piccolo braccio meccanico permette di comandare a distanza interutori, serrature ed elettrodomestici senza ristrutturazioni

Una casa domotica è ambizione diffusa per gli amanti della tecnologia. Spesso però, la realtà di appartamenti meno recenti si scontra con costi di ristrutturazione troppo elevati. A meno di ricorrere a Fingerbot, soluzione non proprio ortodossa ma certamente originale e interessante.

L’dea di Adprox è estremamente semplice. Nessun intervento sull’impianto elettrico o apparati già presenti in casa, nessuna necessità di opere murarie. Semplicemente, Fingerbot è una sorta di braccio meccanico attivabile a distanza via app e pronto ad azionare un comune interruttore al posto nostro.

Sempre pronto a muovere un dito

A prima vista, l’idea può lasciare perplessi. In realtà, nel suo piccolo non è da sottovalutare. L’aspetto smart è praticamente tutto nell’app, con l’eventuale aggiunta di un Bridge dedicato, così da estenderne le potenzialità.

Dal canto suo, Fingerbot non è altro se non una sorta di meccanismo da applicare sopra l’interruttore. Grazie a una serie di adattatori (per luci, elettrodomestici, display touch, ecc.), si può utilizzare con quelli della luce tipici italiani, ma anche con quelli a leva più diffusi nel mondo anglosassone. Più in generale però, a qualsiasi elettrodomestico o fdispositivo si voglia accendere o spegnere a distanza.

Nella versione più semplice, con il controllo via Bluetooth nel raggio di cinquanta metri, secondo quanto dichiarato da Adaprox. Dall’app, è possibile impostare un timer per l’operazione, fino a otto dispositivi collegati. Per gli utenti Apple, l’interfaccia è compatibile ocn Siri.

Il ponte Fingerbot supera ogni limite

Aggiungendo invece il Bridge dedicato, si abbattono praticamente i confini. Accessibili via Internet, i Fingerbot installati in casa sono accessibili in qualsiasi momento. Viene a cadere il limite delle unità controllabili e diventa compatibile anche con Google Home e Amazon Alexa.

Interessanti a questo punto le possibilità. Dall’accendere per tempo uno scaldabagno per arrivare a casa con l’acqua calda pronta per una doccia, o caldaia e condizionaotre per ottimizzare il costo della climatizzazione, fino  all’aprire la porta per non far attender un ospite davanti a casa, la sensazione di aver sposato in qualche modo la domotica è cosa fatta.

Rispetto a una soluzione completa, a prezzi tutto sommato accessibili. Il singolo Fingerbot è attualmente disponibile su Indiegogo e Kickstarter a 32 euro. A partire da 92 euro invece, incluso il Bridge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.