Sempre più contactless, e dove c’è mercato c’è Apple






La forte crescita dei pagamenti contactless nei prossimi anni andrà soprattutto a vantaggio di Apple Pay, con Google e Samsung a inseguire

È il contactless uno dei prossimi terreni di conquista del mondo smartwatch e smartphone. Se oggi il termine indica pagamenti eseguiti in prevalenza con carta di credito, nel giro di pochi anni la situazione appare destinata a cambiare.

L’indicazione arriva da Juniper Research, secondo cui entro il 2024 l’ammontare complessivo dei pagamenti contactless è destinato a raggiungere quota 6 trilioni di dollari. Tre volte la cifra stimata entro la fine di quest’anno.

A guidare la crescita, Stati Uniti e Cina. Nel primo caso, grazie alla diffusione delle carte prima di tutto, ma anche dei sistemi di pagamento elettronico. Per quanto riguarda la Cina, l’esplosione è conseguenza della rapida diffusione dell’infrastruttura telematica sottostante.

Apple Pay per un contactless senza confini

In comune a tutti gli scenari però, Apple Pay. Sarà infatti il sistema legato ad iPhone e Watch a trainare letteralmente l’intero mondo wearable verso una quota sempre più importante. Una spinta favorita anche dai limiti fisici e tecnologici delle carte di credito.

Negli USA in particolare, la crescita si annuncia come particolarmente importante. Se per il 2020 Juniper Research stima un volume di 178 miliardi di dollari in transazioni Apple, il 2024 si chiuderà con una cifra intorno a 1,5 trilioni di dollari.

Alle spalle, una forte spinta delle banche per l’utilizzo degli strumenti contactless, con relativo calo dei costi di gestione. Dal punto di vista degli esercenti, la necessità di adeguarsi senza esitazioni. In mancanza di adeguati POS e sistemi di pagamento in grado di accettare questa nuova elettronica, c’è il rischio concreto di perdere clienti.

Restringendo l’attenzione al mondo wearable, si conferma il dominio Apple. Anche in questo caso, netto e indiscutibile. Nel 2024 Apple Pay sarà infatti la soluzione scelta nel 52% degli acquisti contactless nei negozi. Una tendenza comunque favorevole già oggi con il 43%, semplicemente in ulteriore consolidamento.

Il peso dell’Europa

In questo caso, entra in gioco anche l’Europa. Al pari dell’Asia, saranno infatti gli utenti del Vecchio Continente a contribuire i misura più importante all’ulteriore avanzata Apple, spinta anche dalla risposta interessante a Apple Card.

Come sottolinea Juniper Research, si sta confermando vincente la strategia Apple di allargare con regolarità il proprio ecosistema, aggiungendo funzioni studiate prima di tutto dal punto di vista dell’utente. Nel caso specifico, grande attenzione a costi di esercizio inferiori alle alternative, semplicità e disponibilità del servizio. Per gli altri, a partire da Google e Samsung invece, la strada è ancora lunga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.