Il gesto in più Tap Strap 2 tiene le distanze anche da iPad






Funzionalità specifiche per il tablet Apple allargano il raggio d’azione dell’interfaccia gestuale, pronta a gestire anche smart TV e realtà virtuale

Già con la prima versione, Tap aveva dimostrato di saper portare innovazione nel mondo delle interfacce, senza necessariamente riferirsi ai sistemi di riconoscimento vocale. Ora, con Tap Strap 2, l’azienda intende andare oltre, etendendo la portata dell’originale soluzione per comandi gestuali.

L’idea della tastiera wearable Tap sembra infatti aver raccolto consensi, al punto da volerne allargare il raggio d’azione. Tap Strap 2 presenta infatti la novità AirMouse. Una funzione grazie alla quale sfruttare il principio originale per comandare anche dispositivi come iPad o smart TV in genere.

Il passo in avanti fondamentale però è nella semplificazione della procedura iniziale. Almeno, questo è quanto promette Tap. Per il nuovo dispositivo Bluetooth infatti, non è necessario installare driver o eseguire calibrazioni. Basta semplicemente accoppiarlo a qualsiasi altro apparato e attivarlo.

Basta un gesto

Tre le modalità di uso previste per Tap Strap 2. Prima di tutto, l’alternativa al mouse. Dispositivo tra i più longevi nel mondo IT, in assenza di un piano di appoggio ha sempre manifestato tutti i propri limiti. Ora, le stesse operazioni sono possibili limitandosi a gesti naturali.

Analogamente, il wearable diventa un pannello di controllo virtuale per ascoltare musica o guardare video. Avvio, pausa, arresto, passaggio a tracce diverse sono pronti ad andare oltre ricerche spesso problematiche del telecomando, ammesso di trovare quello giusto.

Arrivando infine, seguendo lo stesso ragionamento, a sfruttare al meglio una smart TV senza diventare matti per riuscire a selezionare il menu e l’opzione desiderata.

Un nuovo modo per usare un iPad

La scommessa Tap però, nell’occasione intende partire dal mondo iPad. Strumento mobile per definizione, con Tap Strap 2 può essere comandato anche a breve distanza. Pochi gesti schematizzati permettono di passare dalla modalità inserimento testo stile tastiera virtuale a quella mouse e interpretare di conseguenza i movimenti successivi. Salvo poi tornare alla configurazione gestuale iniziale.

L’idea è fornire uno strumento capace di andare oltre le attuali soluzioni di input per iPad. Nello specifico, velocizzando  l’inserimento di testi, passare tra applicazioni attive, tornare alla schermata principale o eseguire uno swipe orizzontale.

Da non sottovalutare infine, la possibilità di agevolare l’utilizzo da parte di persone con problemi motori o alla vista, ai quali Tap dedica un’attenzione particolare nello sviluppo dell’applicazione. Così come la prospettiva di un nuovo canale di interfaccia con le attività di realtà virtuale.

A livello dei prodotti Apple anche il prezzo. Tap Strap 2 può infatti essere ordinato a 199 dollari, circa 50 dollari in più della versione base, quella senza funzioni AirMouse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.