Tecnologia sì ma nascosta, così AlpinerX 2019 dà lustro allo smartwatch






Quasi esclusi da BaselWorld, i wearable trovano comunque qualche spazio interessante nelle soluzioni ibride

In un’edizione di BaselWorld avara per il mondo smartwatch come non si vedeva da tempo, sono veramente pochi gli annunci degni di nota per il mondo wearabale.

Sintomo di un mondo, quello dell’orologeria di lusso, al momento interessato poco o niente alle potenzialità della tecnologia, la situazione rischia di pesare sul futuro della manifestazione stessa, come conferma indirettamente anche la rinuncia di Swatch a seguito dell’emergente tendenza di riservare l’evento a un pubblico elitario.

Se si esclude l’unica vera novità targata TAG Heuer, di smartwatch puri a Basilea non c’è traccia. Qualcosa di interessante però, si vede sul fronte degli orologi ibridi. In particolare, dove la tecnologia non manca, ma viene ben nascosta sotto una veste molto tradizionale.

Baselworld 2018 | Impressions

La via Alpina passa per l’ibrido

È il caso di Alpina, marchio svizzero da quale è scaturito AlpinerX 2019. Come ci tiene a sottolineare l’azienda stessa in un impeto giovanile non scontato nel settore, frutto dei risultati e dei consigli raggiunti su KickStarter dai modelli precedenti.

Il nuovo AlpinerX è dedicato espressamente all’outdoor. Sotto la veste di quadrante tradizionale, nasconde così tutti i sensori del caso, a partire dalla frequenza cardiaca, temperatura, pressione e bussola, ma anche il meno scontato rilevamento dei raggi UV.

Alla vista, l’unico segnale evidente di una presenza hi-tech è data dal quadrante digitale inserito all’interno dello spazio riservato alle lancette tradizionali, utile anche per visualizzare le notifiche.  La compatibilità con iPhone e sistemi Android è invece di stampo più tradizionale, con la registrazione dei dati e delle attività, a fini di analisi delle prestazioni e dello stato di salute, sonno compreso.

L’esperienza maturata con i modelli precedenti, combinata alle indicazioni degli utenti hanno inoltre indotto Alpina a rivedere anche l’interfaccia dell’app in ottica di una maggiore semplicità. Indice comunque di voler continuare a cedere nelle potenzialità di uno smartwatch in un settore dove invece si sta affermando un certo distacco.

Costruito in fibra di vetro con fondo in acciaio, AlpinerX 2019 ha un diametro di 45 mm e vetro in cristallo di zaffiro. Completo di cinturino in gomma, può essere immerso fino a cento metri. In linea con le caratteristiche e la fascia di mercato il prezzo di 895 franchi svizzeri, poco più di 800 euro circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.