Quando c’è DiLo, per aprire la porta basta un’app






Dalla collaboraizone tra Serrature Meroni e Sclak, una smart lock versatile da comandare con lo smartphone

Anche un gesto all’apparenza semplice e scontato come aprire una porta non può chiamarsi fuori dalle attenzioni di IoT e della tecnologia più in generale. Se in diversi hanno già indicato proprio nello sblocco di serrature elettriche uno dei potenziali campi di applicazione di chip sottopelle, più realisticamente Serrature Meroni arriva alla stessa conclusione attraverso uno strumento molto più comune e pratico.

Naturalmente, si parla di smartphone, con relativa app rivolta a chi insegue un maggiore controllo degli accessi sotto il proprio raggio d’azione. Casa, ufficio o mezzo di trasporto che sia, dalla collaborazione con Sclak, attiva nel mondo IoT, è nata una proposta interessante.

Racchiusa sotto le insegne di Meroni Technology, si presenta così la possibilità di affiancare alle chiavi tradizionali un sistema di chiavi digitali gestibili via smartphone o da un portale Web. Con la prospettiva, in un futuro non molto lontano, di passare direttamente anche per uno smartwatch.

Diverse le potenziali applicazioni. Dai privati interessati a digitalizzare le proprie chiavi meccaniche, alle soluzioni aziendali per gestire uffici e altri locali ad accesso controllato.

In casa, in ufficio, in movimento

Due i progetti già attivi. DiLo è il un pomolo intelligente progettato espressamente per mondo mobile. È un sistema di chiusura intelligente gestibile via APP (iOS e Android) su smartphone. Oppure, nel caso di sistemi complessi preferibilmente via Web. Per sbloccare una serratura DiLo basta un tap sull’icona nell’app.

Non è una soluzione concepita solo per porte o portoni. La possibilità di integrare diversi meccanismi di chiusura permette di coprire diverse altre applicazioni, dai mobili con ante e sistema di chiusura a tre punti, fino a cassettiere con chiusura multipla, schedari e armadietti.

Decisamente più orientato alla sicurezza invece UFO, rivolto al mondo automotive. Un nuovo progetto, per estendere linea di serrature a oggi installate su oltre 300mila veicoli circolanti in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.