Con al polso tactix Charlie, l’aventura Garmin non conosce confini

Uno smartwatch tattico ultraresistente per intenditori, con mappe recaricate e tante funzioni dedicate

Per il vero appassionato di avventura, uno smartwatch tradizionale si rivela utile solo in parte, e in genere raramente nel pieno dell’azione. Quando si è attivi sul campo, servono funzioni più sofisticate, accompagnate da una resistenza superiore alla media e infine un’affidabilità estrema.

Garmin è convinta di avere la risposta giusta, ed è la terza generazione di tactix Charlie, una sorta di GPS da polso con tutto quanto può tornare utile in situazioni tattiche. Interessante in particolare, la ricerca delle migliore combinazione con le funzioni tradizionali di uno smartwatch, utile a renderlo adatto anche nella vita di tutti i giorni. Alla luce del prezzo di listino di 749,99 euro, un aspetto non secondario.

In particolare, tactix Charlie adotta le mappe a colori precaricate TopoActive e aggiunge la lettura del battito cardiaco al polso, con relative possibilità di analisi dei dati e del contesto per arrivare a profili tattici più dettagliati.

Per definizione, un’avventura comporta in genere muoversi in luoghi selvaggi, non necessariamente coperti dalla Rete. Si giustificano così i 16 GB di spazio utile a memorizzare le mappe, terrestri o marine, e averle comunque a portata di mano. Questo non preclude naturalmente la presenza di tutti gli altri strumenti di uno smartwatch. A differenza di un wearable comune però, con una ricerca spinta dell’a solidità. Il tutto è racchiuso infatti in una cassa di acciaio con a ghiera di titanio rivestita in carbonio diamantato per massimizzare resistenza ad abrasioni e corrosione.

Il display rotondo da 1,2″ di diametro a colori, è ricoperto da una lente curva in zaffiro. Inoltre, passa dalla modalità d’uso diurna alla compatibilità con gli occhiali per la visione notturna e viceversa.

All’insegna della massima versatilità, tactix Charlie non disdegna l’accompagnamento anche durante lo sport nel senso più tradizionale. Garmin ha infatti incluso il meglio della propria tecnologia per tracciare gli allenamenti. Per la stessa ragione, si adatta all’uso quotidiano, con tutte le usuali funzioni di connessione allo smartphone, dalle notifiche ai social passando per chiamate e messaggistica. Come prevedibile infine, spinta all’estremo l’autonomia, indicata in 12 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.