La traiettoria Encompass assicura un lavoro pulito






Lo spazzolino elettrico di nuova concezione asseconda le forme della bocca e promette pulizia profonda in pochi secondi

Pochi troverebbero da ridire sulla validità delle indicazioni fornite dai dentisti su come lavarsi gli stessi. Così come alla fine dei conti sono in pochi a seguirle. Per questo, di recente si sta assistendo a una serie di proposte, più o meno valide, per aiutar a risolvere il problema. Il vantaggio Encompass è provarci senza stravolgere le abitudini.

Il problema maggiore finora incontrato da alternative come V-White e Snow 2.0 è nel cambiare drasticamente l’approccio a una procedura imparata sin da giovanissimi e praticamente immutate. Limite spesso incontrato anche dagli spazzolini elettrici, trova invece in Encompass un approccio diverso.

Cambiare tutto senza cambiare niente

L’idea dei progettisti di RYCA International richiama infatti prima di tutto un comune spazzolino da denti. Una sorta di via di mezzo tra la versione manuale e quella elettrica. In più, aggiungendo qualche ritocco alla testina, con una sorta di doppia superficie pulente.

Questo permette prima di tutto di ridurre i tempi di pulizia, scendendo a una ventina di secondi. Soprattutto però, Encompass aiuta ad applicare la procedura corretta in modo del tutto naturale, con movimenti abituali.

La forma della testina è studiata infatti per pulire metà superficie della bocca nello stesso momento. Sagomata sulla forma di un lato dell’arcata dentale, è progettata in modo da esser abbastanza flessibile da adattarsi anche alle dentature meno allineate.

In questo modo, l’intera operazione di pulizia diventa decisamente più semplice. Dopo aver applicato Encompass una decina di secondi da una parte, basta spostarlo sul lato opposto per lo stesso tempo per completare l’operazione.

Il segreto e nella testina

La testina flessibile ricorda la forma di una J ed è stata al centro dell’attenzione dei progettisti. Il vero cuore del sistema Encompass però è il motore. Un sistema brevettato in grado di trasformare un centinaio di impulsi al secondo in altrettante spazzolate, garantendo la delicatezza del caso per non danneggiare le gengive.

Per verificare se le promesse di Encompass saranno mantenute, sarà necessaria un po’ di pazienza. L’arrivo sul mercato è previsto infatti per la prossima primavera.

Nel frattempo però, già stabilito un prezzo di lancio non proprio concorrenziale di 90 euro, a fronte di un listino pieno addirittura di 172 euro. Spese di spedizione escluse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.