Pronta ad ascoltare gli italiani, Alexa esita nel mondo wearable

Atteso da tempo, il sistema di riconoscimento vocale è pronto a entrare nelle case degli italiani

È arrivato il momento della sfida anche nel mondo dei sistemi a comando vocale, e Amazon rompe gli indugi anche in Italia, con la versione localizzata di Alexa. Attesa da tempo dopo i riscontri favorevoli in USA prima di tutto, da noi Alexa arriva sotto forma di dei dispositivi Echo, in quattro versioni. Base, Plus,  Dot e Spot. Completano il lancio un dispositivo da associare a Echo: Echo Sub e uno per la casa intelligente: Smart Plug.

Di fatto, Echo, Echo Plus, Echo Dot ed Echo Spot sono speaker a controllo vocale interamente progettati attorno alla voce. Alexa è la relativa mente software: risiede nel cloud e può di conseguenza essere sempre aggiornata. Come gli altri sistemi Google ed Apple già disponibili, Alexa risponde alle domande, riproduce la musica, legge le notizie, controlla il sistema di smart home, aggiunge attività alla lista delle cose da fare, e tutto quanto gli sviluppatori sapranno inventarsi.

Echo Sub, il dispositivo da associare, è pensato per coloro intenzionati a sfruttare il sistema per la riproduzione musicale, attraverso i dispositivi compatibili.

Il wearable può attendere

Diversi i marchi già pronti a supportare Alexa. Pochi nel mondo wearable e soprattutto per il controllo di cuffie wireless, anche se per il futuro è lecito aspettarsi applicazioni più mirate.

Nel frattempo, Sony ha annunciato di sfruttare Alexa per controllare una gamma di cuffie wireless attraverso un aggiornamento del firmware. Si potrà chiedere al sistema di riconoscimento vocale di riprodurre l’artista preferito, regolare il volume, cambiare brano e altro ancora.

Jabra invece offrirà un accesso one-touch ad Alexa attraverso la propria gamma di cuffie e auricolari wireless avanzati. Anche in questo caso, si parla di chiedere la riproduzione di musica, ascoltare le notizie, controllare il meteo, dispositivi per Casa Intelligente.

Pubblicato il: 24 ottobre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.