Caccia aperta ai visori sulla spinta del Metaverso






La crescita nelle vendite dei visori sancisce il successo della realtà virtuale e del progetto Metaverso di Facebook

Un primo risultato sul Metaverso Facebook l’ha già raggiunto. Le vendite di visori stanno infatti registrato un’improvvisa impennata, e avviato una tendenza destinata a durare alcuni anni.

La conferma è di IDC, i cui analisti hanno quantificato nel 92,1% l’aumento nell’utilizzo degli strumenti per realtà aumentata e realtà virtuale nel 2021, per un totale di 11,2 milioni di unità.

Come facile prevedere, risultato per buona parte riconducibile alla seconda parte dell’anno, quando ha iniziato a farsi strada il concetto di Metaverso. In particolare, il trimestre legato alle feste di Natale.

Chi ci guadagna è comunque Meta

A guadagnarci, prima di tutto la stessa Meta il cui Quest frutto dell’esperienza acquisita da Oculus ha rappresentato il 78% delle vendite. Praticamente, una sorta di monopolio, considerando anche come al secondo posto si trovi DPVR con il 5,1%. Peraltro destinato quasi esclusivamente al mercato asiatico.

Discorso simile per il rivale successivo il visore Pico VR di ByteDance, poco se non per nulla conosciuto dalle nostre parti e in grado comunque di raccogliere il 4,5% delle preferenze di acquisto. In questo caso però, con maggiori ambizioni al mercato Occidentale, dove si iniziano a vedere consensi come soluzione alternativa.

Ancora poco richiesti invece i visori dei produttori più noti. Il primo è infatti il VR di HTC, con una quota limitata al 5%. Più o meno la stessa raggiunta da un altro marchio cinese impegnato nella conquista di consensi oltre frontiera, iQ!YI, facendo leva sulla propria piattaforma video stile Netflix.

La realtà virtuale destinata a durare

Tra le considerazioni più importanti di IDC, il momento particolare per il mondo della realtà virtuale e relativi visori. Grazie alle promesse del Metaverso, la tecnologia sta finalmente uscendo dai confini dei videogiochi. Un passo importante per la diffusione degli strumenti.

Non a caso, nel corso dell’anno sono attese le mosse di Sony per rilanciare le proprie ambizioni nel settore e soprattutto di Apple. Anche dagli altri produttori di smartphone ci sono da aspettarsi novità, in una stagione considerata cruciale per il futuro della tecnologia.

D’altra parte, le cifre iniziano a essere interessanti. Le previsioni IDC indicano una crescita del 46,9% per il 2022, con una tendenza annuale del 35,1%, per un totale di oltre 50 milioni di nuovi prodotti in commercio.

Pubblicato il 22/03/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: