In palestra e fuori arriva Kore 2.0, tracker per restare in forma






Linee classiche e dotazione quasi completa per il tracker Kore 2.0, pensato per l’allenamento in palestra, ma utile per la salute di tutti

Nel già affollato panorama dei tracker, si aggiunge ora anche KoreHealth con un nuovo modello particolarmente ambizioso, anche se dalle caratteristiche tecniche è difficile definire Kore 2.0 come effettiva novità.

Si tratta infatti di un wearable standard, orientato al mondo del fitness, in linea anche con il prezzo medio della categoria. Per chi vuole guardare a qualcosa di diverso rispetto ai soliti nomi e puntare sulle funzioni più attuali, può comunque diventare un’opzione da valutare.

In realtà, Kore 2.0 non rappresenta un debutto vero e proprio. KoreHealth ha infatti già in catalogo un’altra versione. Il modello di base KoreTrak Pro, di dimensioni ridotte e con funzioni limitate, tuttavia al momento neppure ordinabile.

Pensato per il fitness

Discorso completamente diverso invece per il nuovo arrivato. Perfettamente allineato agli standard del settore, va a completare l’offerta dell’azienda in materia di supporto al fitness.

Per gli appassionati del genere, qualche interesse in più ad acquistarlo, considerata la possibilità di integrarlo in un sistema con bilancia, e altri strumenti per l’allenamento in palestra.

Altrimenti, Kore 2.0 può essere una delle tante scelte disponibili. Forme classiche allungate con display a piena larghezza del cinturino, schermo a colori e interfaccia touch naturalmente non mancano.

Così come il sensore per la frequenza cardiaca e quelli per conteggio dei passi, distanza e consumo giornaliero di calorie. In più però, da sottolineare il livello di ossigenazione del sangue e anche la temperatura corporea. Importante precisare sempre a titolo personale e senza alcuna validità in ambito diagnostico. Non è invece previsto il GPS.

Alla ricerca della forma perfetta

Anche perché effettivamente l’obiettivo principale di Kore 2.0 sono i frequentatori delle palestre. I dati raccolti vengono utilizzati soprattutto per ricavare indicazioni sullo stato di forma, e per arrivare a fornire informazioni utili sullo svolgimento degli esercizi.

Di serie naturalmente anche le notifiche e l’ascolto della musica, anche se in questo caso senza memoria interna con in abbinamento allo smartphone. Una configurazione utile però a spingere l’autonomia dichiarata fino a una settimana.

Nell’insieme, il prezzo si può considerare tutto sommato interessante. Se le caratteristiche di affidabilità (con resistenza all’acqua ma non all’immersione) saranno rispettate, 59,99 euro possono rivelarsi un investimento giustificato.


Pubblicato il 1/2/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: