I Trainer Celly pronti per la nuova generazione di smartwatch e tracker

Quattro dispositivi della serie Trainer, convenienti e non scontati, rilanciano le ambizioni Celly su smartwatch e tracker

Con il rilancio della ambizioni di Celly, si allarga la platea di pretendenti a un posto di primo piano nel mondo di smartwatch e tracker in Italia. Il marchio appartenente al gruppo Esprinet propone infatti la gamma Trainer, composta da quattro dispositivi, due per tipo.

TrainerRound e TrainerWatch sono i candidati a un ruolo da protagonisti tra gli smartwatch. Simili per caratteristiche e funzionalità, le differenze vanno cercate nel design, con un’idea tanto semplice quanot inedita. Entrambi con un display a colori da 1,69’’, il primo va incontro a chi cerca un wearable rotondo, mentre il secondo soddisfa invece chi preferisce linee squadrate.

Rotondo o quadrato, il Trainer per tutti i gusti

In pratica, differenze solo di forma, perché i Trainer coprono le ormai tradizionali funzioni legate alla salute. Rilevamento del battito cardiaco, analisi del sonno, tracciamento delle attività naturalmente non mancano. In più però, una meno scontata stima della pressione sanguigna e della saturazione. Da quanto risulta, a puro titolo informativo, senza cioè certificazione di affidabilità a livello medico.

Nella media l’autonomia dichiarata di sei giorni. Non sono previsti GPS integrato o spazio di memoria per la gestione indipendente delle playlist. D’altra parte, il prezzo di 59,99 euro rende TrainerRound e TrainerWatch decisamente interessanti.

Il tracker, alternativa leggera ed economica

Per chi invece preferisce ridurre le dimensioni, e anche il prezzo di 34,99 euro, rinunciando ad alcune opzioni, una prima alternativa è TrainerThermo. Il display da 0,96” resta comunque a colori. Oltre a notifiche e tracciamento delle attività fisiche, mantiene controllo della pressione sanguigna e della saturazione.

In più, un sensore per rilevare la temperatura corporea, difficile da trovare su prodotti di questa categoria. Un po’ limitata però, l’autonomia ridotta a tre giorni.

Ancora più economica infine la proposta TrainerBand, buona soluzione anche solo per provare le potenzialità di un tracker da polso.

Fero restando il display da 0,96” di diagonale, come facile prevedere, in questo Trainerle funzioni disponibili sono quelle di base. Vale a dire, conteggio dei passi giornalieri, distanza percorsa e calorie consumate, oltre al monitoraggio del battito cardiaco. Confermata anche l’analisi del sonno.

La minore presenza di sensori permette di allungare l’autonomia fino a sei giorni, a un prezzo decisamente abbordabile di, 19,99 euro.


Pubblicato il 25/1/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: