Il calore del massaggiatore automatico per chi ha la schiena dritta






Forme e materiali particolari permettono al massaggiatore automatico Alpha Neck di rimettere collo e schiena in perfetta efficienza

Il piacere di un massaggio shiatsu può essere rovinato solo dall’impossibilità nell’averlo a disposizione al momento desiderato. Una situazione destinata però a durare poco se si è disposti ad affidarsi al massaggiatore automatico Alpha Neck.

Non si stratta, almeno a detta dei progettisti, del solito cuscino riscaldante o vibrante dalle forme più bizzarre e spesso scomode, per non dire dannose. Alpha Neck è infatti il risultato di una serie di studi mirati a simulare il più possibile il movimento di mani esperte.

Una sorta di fagiolo magico

A partire dalle forme a fagiolo, la differenza è evidente. Niente di eccessivamente vistoso, ma un semplice appoggio arcuato, pensato su misura per adattarsi a qualsiasi collo o a qualsiasi schiena. Perché la posizione corretta è uno dei primi segreti del massaggiatore automatico.

Il primo obiettivo, è alleviare dai problemi alla cervicale. Da sdraiati, una volta appoggiato sopra il retro del collo, può provvedere prima di tutto a sciogliere le articolazioni locali sfruttando il calore prodotto da raggi infrarossi.

A quel punto, sfruttando anche la distribuzione del peso del corpo sopra Alpha Neck, la sensazione viene trasmessa a tutti i muscoli del corpo bisognosi di rilassamento. In particolare, quelli della schiena.

Tra schiena e collo

Perché una volta ribaltato, il massaggiatore automatico si trasforma in supporto ideale per la colonna vertebrale, utile all’istante per alleviare i dolori e nel tempo anche per ritrovare la corretta postura.

Secondo i dati raccolti dal produttore, il coreano Daesung Chang, il risultato sarà un maggiore rilassamento dei muscoli pari al 45%, importante per raggiungere una condizione di benessere diffuso.

Alpha Neck può lavorare a tre livelli di temperatura, mentre la sessione dura dieci minuti, al termine dei quali si spegne in automatico. L’autonomia dichiarata ha una durata di tre ore circa, e il prezzo richiesto è al momento di 74 euro.


Pubblicato il 21/8/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: