L’avventura fenix 7 prende forma nelle idee Garmin






Nel nuovo Garmin fenix 7 attese maggiore qualità del display, autonomia e migliore supporto per l’attività fisica, ovunque

Nei programmi Garmin per la nuova stagione, uno dei modelli più attesi è il fenix 7. Dopo l’introduzione nella serie 6 del vetro con carica solare, l’ulteriore evoluzione è ormai quasi pronta per il lancio ufficiale. Con buona probabilità, secondo fonti bene informate, non avverrà però prima della fine dell’estate.

Sulle caratteristiche del fenix 7 le aspettative non mancano Prima di tutto, seguendo la scia dei più recenti Venu, si parla di un display a colori più definito. Prospettiva di carica solare a parte, nelle configurazioni attuali la semplice batteria non sarebbe però in grado di garantire un’autonomia oltre i due giorni. Poco per gli standard del momento.

Più dati per spingersi più lontano

Grande attenzione invece per la precisione e la quantità dei rilevamenti. La recente acquisizione di Firstbeat Analytics è potenzialmente in grado di aumentare numero e qualità di analisi legate al rilevamento della frequenza cardiaca, al servizio prima di tutto di tabelle di allenamento.

Indicazioni da estendere anche a supporto dell’alimentazione, per chi vuole tenere traccia dei propri pasti e ottenere indicazioni su come aggiustare l’idratazione o il consumo di carboidrati.

Fenix 7 intende quindi ribadire la destinazione verso una fascia alta di prodotto, sia per livello di esigenza sia per prezzo. Le indicazioni parlano di cifre a partire da almeno 600 euro, senza ricarica solare, in linea con l’offerta attuale.

La naturale destinazione agli sport outdoor inoltre, aumenta le quotazioni per una maggiore attenzione verso la lettura del livello di ossigenazione del sangue. Per lo stesso ragione, è lecito attendersi interventi anche sulle funzionalità legate alle mappe integrate. Punto di forza Garmin, ma di recente messo in discussione dalle mosse Polar e Suunto. Tra le funzioni attese, migliore supporto per le aree meno frequentate, dove una via di uscita non coincide necessariamente con percorsi tracciati.

Sicuri e in forma in compagnia di Fenix 7

In linea con le preferenze manifestate dagli utenti, sembra inoltre destinata a essere integrata anche Komoot, app sempre più apprezzata per lo sport e soprattutto specializzata nell’escursionismo, intenzionata a intaccare il dominio Strava sull’argomento.

Novità anche sul fronte della sicurezza. L’acquisizione di GEOS Worldwide,induce a pensare a nuove modalità per agevolare eventuali interventi di emergenza o potenziare quelli esistenti. Non è quindi da escludere una versione con connessione LTE, in grado di essere totalmente autonoma dallo smartphone.

Un’ultima potenziale novità riguarda invece i momenti di attività fisica meno avventurosi ma altrettanto importanti. Su fenix 7 viene data per probabile l’aggiunta di funzioni a supporto degli esercizi da palestra.

Al fianco di animazioni per accompagnare le sessioni, anche il conteggio automatico delle serie. In più, con la possibilità di cogliere suggerimenti su come aggiustare la propria attività di fitness in base ai dati registrati e alle analisi fornite dai sensori.


Pubblicato il 22/4/21

5 pensieri riguardo “L’avventura fenix 7 prende forma nelle idee Garmin

  • 27/07/2021 in 14:19
    Permalink

    Speriamo che prima o poi si filino di più gli sport da racchetta…

    Rispondi
  • 19/06/2021 in 08:02
    Permalink

    ho il 6x pro solar dal gennaio 2020, GPS disastroso… ho fatto una miriade di comparazioni con altri dispostivi GPS e questo del Garmin è il peggiore. se il 7 adotterà un chip GPS nuovo diverso da Sony, allora lo ricomprerò , altrimenti sarebbero altri soldi sprecati.

    Rispondi
  • 10/06/2021 in 11:53
    Permalink

    Io spero in un miglior altimetro e in un miglior chip GPS. La mia esperienza col 6X Pro, francamente, non è delle migliori sotto questi aspetti

    Rispondi
    • 10/06/2021 in 17:47
      Permalink

      Non ho avuto modo di vederlo di persona, ma per quanto mi risulta, inserire un altrimetro braometrico efficiente in uno smartwatch resta ancora un’impresa. Almeno, in questa fascia.
      Per quanto riguarda il GPS, in genere Garmin si difende bene.
      Per curiosità che sistemi GPS usi?

      Giuseppe

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: