Ignite 2 e Vantage M2, la nuova coppia Polar per vivere in sintonia






Due smartwatch Ignite 2 e Vantage M2 a ribadire la nuova la filosofia Polar di ottenere il meglio dal proprio fisico, ma con eleganza

Continua l’impegno Polar per recuperare terreno nel mondo smartwatch. I due nuovi Ignite 2 e Vantage M2 confermano la strategia di provare a uscire dai settori strettamente tecnici e sportivi per allargare il proprio raggio d’azione, conciliando meglio competenze fuori discussione con design e un’esigenza ancora forte di un marketing meno esclusivo.

Il risultato in questo caso è sicuramente interessante. Entrambi i nuovi modelli si presentano prima di tutto bene dal punto di vista estetico. Linee rotonde semplici, mantenendo solo tratti delle classiche forme estreme tipiche dei modelli destinati all’outdoor, rivelando tuttavia un design più facile da integrare nella vita di tutti i giorni.

Polar Ignite 2, smartwatch sempre pronto

Significativo in questo senso Polar Ignite 2. Dietro forme solo all’apparenza semplici, leggermente addolcite rispetto alla prima versione, si nasconde comunque una tecnologia al servizio delle situazioni più impegnative. Non a caso, uno dei primissimi modelli del produttore finandese, se non il primo, a essere proposto in una versione rosa dai toni delicati.

Marcato come fitness watch, promette un’autonomia di cinque giorni, in linea con gli standard attuali. Il display rotondo con risoluzione di 240×240 pixel, la stessa del compagno di viaggio, in una cassa da 34 mm, contribuiscono a contenere il peso in 35 grammi.

Ricca la serie di funzioni disponibili, praticamente completa grazie anche al GPS integrato. La lunga esperienza nel settore sport, ha prodotto alcune modalità interessanti. Per esempio, FitSpark guida l’esecuzione dell’attività fisica in base ai dati accumulati nel tempo in modo da rendere l’esercizio in linea con le proprie capacità e di conseguenza più gradevole. Per chi cerca risultati sulla linea, Energy Sources indica quali risorse del corpo si stia utilizzando durante il singolo esercizio e aiuta quindi a orientare meglio lo sforzo per perdere peso, piuttosto di potenziare i muscoli o migliorare il benessere generale.

Il tutto, come prevedibile, inserito in un contesto di strumenti utili nel corso di una qualsiasi giornata, a partire da notifiche, musica e registrazione delle varie attività sportive.

Polar Vantage M2 per ottenere il massimo

Per chi invece vuole spingersi oltre nella pratica sportiva ma vuole comunque mantenere linee sobrie, l’idea Polar è Vantage M2. Anch’esso secondo modello della generazione, cerca di combinare i tratti essenziali di due situazioni diverse senza rinunciare a un pieno supporto. Le linee un po’ meno arrotondate ma senza eccessi, disegnano una cassa in questo caso più grande, da 46 mm di diametro e di conseguenza anche leggermente più pesante, con 45 grammi.

Utile anche per rendere meglio leggibili all’istante le indicazioni durante la pratica sportiva. Fermo restando la copertura di tutte le funzioni standard infatti, nel caso di Vantage M2 l’attenzione è tutta rivolta a migliorare condizione fisica e prestazioni.

Spazio quindi  a una registrazione dei dati finalizzata soprattutto a una successiva analisi con diverse finalità. Dalla misurazione dello sforzo durante l’impegno, alla stima della condizione fisica complessiva in modo da indicare l’intensità consigliata per gli allenamenti successivi. Fino alla compilazione di tabelle di allenamento tenendo traccia dei progressi. Sempre con lo sguardo rivolto agli obiettivi impostati.

Interessante anche l’indicazione sulla quantità e qualità delle sostanze bruciate e di conseguenza quelle da reintegrare, proponendo consigli anche per impostare l’alimentazione.  

Soprattutto in questo caso, ambizioso anche il prezzo. Pur restando più vicino ai modelli di smartwatch per tutti i giorni, 299,99 euro lo collocano nella fascia medio-alta. Per chi non ha esigenze di supporto per sport ai massimi livelli, diventa i 229,99 euro di Polar Ignite 2 lo rendono un’alternativa da prendere sicuramente in esame.


Pubblicato il 25/3/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: