Ci pensa Voi a portare intelligenza nell’uso del monopattino elettrico






Con il sistema di intelligenza artificiale sviluppato da Voi, il monopattino elettrico è a prova di guidatore distratto

In perfetto stile italiano, l’entusiasmo verso il monopattino elettrico ha portato presto a trasformare un potenziale aiuto ai problemi di traffico e inquinamento in un nuovo pericolo sulle strade di diverse città italiane.

Voi Technology però, una delle principali organizzazioni di noleggio urbano, grazie alla collaborazione con la startup Luna Systems ha già messo a punto una possibile soluzione.

Occhio, elettronico, al pericolo

L’idea è sfruttare quella definita come Computer Vision, già presente sulle automobili di ultima generazione, per applicarla anche al monopattino elettrico. In pratica, un sistema in grado di percepire l’ambiente circostante e reagire di conseguenza per proteggere utenti e pedoni.

Questo dovrebbe permettere tra l’altro a Voi Technology di proporsi come primo operatore di monopattini elettrici al mondo in grado di offrire il rilevamento dei pedoni in tempo reale, appunto simile a quello disponibile nelle auto di fascia alta.

La tecnologia utilizza una serie di sensori a supporto di una telecamera i cui dati vengono elaborati da algoritmi di Intelligenza Aritificiale definita come Edge, vale a dire calcolata direttamente all’interno del dispositivo.

Quanto serve in pratica a rilevare per tempo la potenziale presenza di pedoni sul percorso, permettendo a un monopattino elettrico di capire se si trovi in un’area con alta presenza di persone e di comportarsi in modo adeguato sulla base di parametri predefiniti attraverso l’app collegata.

Inoltre, il veicolo così attrezzato è in grado di rilevare il tipo di superficie o di corsia su cui si trova (pista ciclabile, marciapiede, strada) e reagire di conseguenza rispondendo ai parametri di sicurezza imposti dalle municipalità.

Iniezione di buon senso per il monopattino elettrico

Nelle intenzioni Voi Technology e Luna, questo sarà solo il primo passo per governare meglio il flusso dei monopattini elettrici. L’azienda svedese sta infatti mettendo a punto anche una tecnologia di rilevamento della posizione in grado di monitorare i parcheggi con precisione millimetrica nelle aree designate, eliminando così il problema delle soste selvagge.

Nel frattempo, il primo progetto è già arrivato alla fase sperimentale, per la quale è stata selezionata la città inglese di Northampton. L’attività si concentrerà sulla  raccolta dei dati, effettuata direttamente dal team operativo locale di Voi Technology per ottimizzare il sistema di riconoscimento dei pedoni.


Pubblicato il: 19 Novembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.