Intorno ad Amazon Halo Band cresce una nuova idea di salute






Halo Band, il primo vero wearable Amazon, cambia le carte in tavola per stimare l’attività fisica e scommette sulla stima della massa grassa

Anche se non si parla di un vero e proprio smartwatch, l’ingresso ufficiale Amazon nel mondo wearable con Halo Band dovrebbe iniziare a preoccupare seriamente i protagonisti del settore.

Come più volte dimostrato in passato infatti, Amazon è una di quelle poche aziende in grado di dare battaglia in qualsiasi settore decida di cimentarsi. Sia per la potenza della propria comunicazione sia per la innegabile capacità di innovare.

La stessa pronta a ritrovarsi puntualmente anche in Halo Band. Si tratta infatti di una sorta di tracker, abbinato al’omonima app. Privo quindi di display con l’unico segnale visivo affidato a un LED, racchiude però un concentrato di tecnologia decisamente competitivo. A partire da un’affidabilità dei componenti spinta all’estremo per gli standard attuali di mercato.

La nuova visione dello stare in forma

Nella circostanza, l’attenzione Amazon è concentrata sulla salute. Dalla combinazione di sensori di alta precisione con un algoritmo nel quale non mancano principi di intelligenza artificiale, è possibile prima di tutto tenere sotto controllo il peso. Non a caso, al momento è proposto solo sul mercato USA, dove il problema è tra i più sentiti.

Inoltre, il corredo di due microfoni, con relativo bottone per disattivarli all’occorrenza, prevede prontamente anche un termometro per rilevare la temperatura corporea.

Diverso l’approccio alla questione salute sin dai primi passi, è il caso di dire. Rispetto alla tendenza di contare il numero dei passi, Amazon sposa invece la più recente tendenza di misurare intensità e durata dell’attività in movimento. Risultato raggiungibile grazie al maggior numero di sensori utilizzati, anche più precisi.

Per esempio, rispetto a una camminata, una corsa di pari durata contribuisce in misura maggiore al raggiungimento degli obiettivi giornalieri. Certamente, non una novità in assoluto, Fitbit è stata tra i primi ad assegnare un peso all’attività fisica. Nella circostanza però, con la promessa di poter sfruttare una nuova evoluzione in termini di affidabilità del sistema di misurazione.

Il risultato è una valutazione giornaliera costruita su un punteggio complessivo. Aspetto insolito, nel quale è prevista anche una detrazione in caso di inattività prolungata per più ore al di fuori del sonno.

La presenza del termometro permette tra le altre cose di migliorare proprio anche la stima delle ore notturne. Tempo trascorso in dormiveglia combinato alle diverse fasi notturne concorrono a stimare l’efficacia del riposo e le relative ripercussioni sull’efficienza fisica del giorno successivo.

Il peso della vera scommessa Halo Band

La vera scommessa Amazon Halo è però la sfida all’obesità, o anche al semplice sovrappeso. A detta dell’azienda, la qualità dei risultati raggiunti è tale da portare il calcolo della massa grassa alla porta di tutti e non più riservata a strumenti costosi e da specialisti.

Un algoritmo in grado di ricostruire un modello 3D della persona e permettere a chiunque di tenere sotto controllo la propria situazione in ogni momento, garantendo al tempo stesso la riservatezza. La convinzione nell’affidabilità del sistema è tale da portare ad affermare di aver superato di gran lunga i livelli di affidabilità delle comuni bilance smart per arrivare a livello degli strumenti utilizzati dai medici.

Sulla spinta di questo, Halo vuole andare oltre. Affiancare cioè un’analisi del livello emotivo calcolato attraverso la lettura delle energie e della positività, in pratica dei fattori emotivi attraverso la voce, per rivelarsi un supporto nei rapporti sociali, indicando livelli di stress tali da influire in un rapporto interpersonale.

Anche alla luce delle questioni sollevate dall’acquisizione di Fitibt da parte di Google, soprattutto quando si parla di Amazon inevitabilmente in una situazione del genere, entra in gioco anche la privacy. Non a caso, l’azienda ci tiene subito a sottolineare, la sicurezza dei dati trasmessi dai tracker e la loro totale cifratura in ogni passaggio. Inoltre, per l’utente è garantita la massima libertà di rimuoverli.

In prospettiva, Amazon Halo Band vuole naturalmente aprire un nuovo mercato, chiamando anche il mondo degli sviluppatori a realizzare nuove applicazioni. Nel frattempo, il modello base è disponibile negli USA per 64,99 dollari. Al quale aggiungere però un canone mensile di 3,99 dollari superati i primi sei mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.