Tutta l’intelligenza Briko per mettere in testa ai ciclisti Cerebellum One






In sincronia con lo smartphone, sette funzioni per sicurezza e informazione integrate nel casco di nuova concezione

Il casco è il dispositivo votato a proteggere la parte deputata a contenere l’intelligenza di una persona. In genere però, in modo totalmente passivo. Privo cioè, a sua volta di intelligenza. Ora però, grazie a Briko lo scenario è destinato a cambiare, come è pronto a dimostrare Cerebellum One

Se non proprio del primo in un assoluto, uno dei primi caschi al mondo pronto a sfruttare l’intelligenza artificiale per migliorare la sicurezza dei ciclisti. Dallo specchietto retrovisore visibile real time su smartphone al radar per avvertire del sopraggiungere di un veicolo alle spalle. In più, con Cerebellum One, invio di segnali di allerta in situazioni potenzialmente pericolose e addirittura registrazione in cloud in caso di incidente con telecamere Full HD.

In parte, caratteristiche già viste su alcuni modelli, mai però tutte insieme in un unico dispositivo smart come ha saputo riunire Briko. Completo anche di luce di posizione e frenata e avviso di disidratazione, per un totale di sette funzioni distintive.

Sette gradi di intelligenza in testa

Sotto la calotta del casco, sono alloggiati un microprocessore completo di radar, due videocamere Full HD, anteriore e posteriore, un multisensore GPS e un giroscopio. L’insieme, permette prima di tutto di offrire funzioni inedite, almeno in digitale, come  specchietto retrovisore, radar anti-investimento, crash alert via sms, scatola nera, luce di posizione a led, telecamere per foto e video in Full HD e avviso di disidratazione.

Più in dettaglio, la funzione specchietto retrovisore di Cerebellum One è attivata via smartphone. Il video real time a bassa latenza, trasmesso sul display del cellulare, offre la visuale su quanto accade alle proprie spalle. Inoltre, pedalando in gruppo, lo specchietto potrà a breve essere condiviso sul cellulare di tutti i ciclisti presenti.

In alternativa, con la funzione radar il display del cellulare può mostrare l’avvicinarsi di veicoli motorizzati alle spalle del ciclista. Oltre all’avviso grafico, disponibili come opzione anche allarmi sonori per raggiungere il massimo grado di attenzione.

In caso di incidente con un veicolo o di caduta accidentale, Cerebellum One attiva la funzione crash alert via sms. Il sistema software del casco invierà in automatico un sms geolocalizzato a un contatto selezionato in modo tale che questo sia avvertito e si possano attivare per i soccorsi.

Inoltre, nello stesso momento in cui il sistema invia il messaggio, attraverso l’account Briko una sorta di scatola nera archivierà in cloud le immagini dei due minuti precedenti e immediatamente successivi all’impatto, conservando prove di quanto avvenuto. Il corredo di sicurezza si completa con la luce led integrata nel posteriore del casco.

Non solo sicurezza

Briko Cerebellum One vuole però essere un compagno di viaggio  oltre a dispositivo per la sicurezza. L’alta definizione in 4K di immagini e video permette infatti di rivivere il percorso della giornata scaricando la registrazione su PC.

Per i più attenti alle prestazioni sportive, il nuovo casco Briko è sfrutta una serie di sensori  per rilevare la temperatura e la sudorazione del ciclista. In caso di necessità, smartphone  viene inviato un avviso per prevenire problemi di disidratazione.

Completo di staffa da manubrio per smartphone, Briko Cerebellum One ha un prezzo di listino in linea con le ambizioni, pari a 490 euro.

Qualche problema potrebbe arrivare dalla batteria integrata, la cui autonomia dichiarata di quattro ore può rivelarsi insufficiente a coprire le uscite più impegnative per i cicloamatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.