Quando il russare trasforma il dormire in un incubo, Snore Circle riporta la pace

Un concentrato di tecnologia in una fascia per occhi garantisce sonni tranquilli ai compagni di stanza

Poche altre cose riescono a mettere in discussione un rapporto di coppia o anche una semplice amicizia come il russare. E solo chi si trova in questa situazione sa quanto poco si siano rivelati poco efficienti tutti i sistemi in commercio.

Per trovare una soluzione definitiva, probabilmente è necessario cambiare completamente il tipo di approccio e risalire alle origini del problema. Questa è la strada seguita da VVFLY Electronics. Dopo aver studiato con attenzione il legame tra sonno, impulsi cerebrali e onde vocali, l’azienda cinese è arrivata a mettere a punto Snore Circle, sistema tanto semplice all’apparenza quanto sofisticato all’interno e di conseguenza, ci si augura, efficace.

Come ogni compagno di stanza probabilmente conosce, uno dei sistemi migliori per interrompere il fastidioso russare  è il classico scossone. Più o meno intenso a seconda della persona e del livello di stress raggiunto. Spesso però, sollievo temporaneo o poco più.

Cercando di convertire questo principio puramente materiale in scienza, Snore Circle si presenta all’apparenza come una comune benda per occhi, di quelle in genere usate per dormire durante  i lunghi viaggi in aereo o in treno o comunque per isolarsi dall’ambiente circostante.

Oltre alla scelta di materiale abbastanza confortevole da poter essere indossata per una notte intera, i ricercatori si sono concentrati su un sistema in grado di cogliere i suoni emessi durante il sonno. Non attraverso i tradizionali e poco pratici microfoni, ma sfruttando invece le più recenti tecnologie di conduzione sonora delle ossa. Abbinate a un sistema di analisi sonora, diventa possibile distinguere un russare da un semplice lamento e stimarne l’intensità.

Superato il limite indicato come quello della tolleranza, entra in funzione una vibrazione, anche questa regolabile via app su 36 livelli di  intensità. L’intento non è tanto svegliare il soggetto quanto  intervenire a livello nervoso per provocare quella contrazione muscolare necessaria a mutare il respiro abbastanza da non sollecitare più le corde vocali.

A conti fatti, per chi è alle prese con un russare, proprio o altrui, tale da arrivare al limite della sopportazione, il prezzo della tranquillità fissato a 89 dollari probabilmente si rivelerà ragionevole, anche aggiungendo dieci dollari per la consegna in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.