Anche Fitbit pay e Garmin Pay vanno d’Intesa con Sanpaolo






Con i due nuovi accordi, crescono rapidamente le possibilità di effettuare pagamenti da smartwatch

Cresce letteralmente giorno per giorno l’interesse delle banche per i sistemi di pagamenot via smartwatch. Dopo l’accordo tra Fitbit e Illimitybank, la stessa Fitib, praticamente in contemporanea a Garmin, abilita il servizio anche con Intesa Sanpaolo

Di conseguenza, da una parte il servizio di pagamento contactless Garmin Pay è attivo anche per i clienti del gruppo Intesa Sanpaolo. Per gli smartwatch Garmin con integrato un modulo protocollo NFC, è quindi necessario collegarsi al portale Connect,  registrare sull’orologio gli estremi della propria carta di pagamento e averla così sempre a disposizione per qualunque evenienza.

A tutela della sicurezza, prima di confermare ed effettuare un pagamento, viene richiesto di inserire un codice segreto, il passcode, precedentemente impostato nell’app Garmin di registrazione della carta di pagamento.

Firbit o Garmin, è sempre Pay

Sul fronte Fitbit, Pay con Intesa Sanpaolo è disponibile per i wearable Charge 3 Special Edition, Versa, Versa 2 e Ionic. Anche in questo caso, gli gli estremi delle proprie carte di debito, di credito e prepagate, vengono digitalizzati e resi inaccessibile al di là dei circuiti di pagamento .

In questo caso, le transazioni utilizzano una piattaforma di basta su token, standard di settore. In queszot modo, i dati della carta dell’utente non vengano mai rivelati o condivisi con commercianti o Fitbit.

Inoltre, per un ulteriore livello di sicurezza un PIN personale viene scelto dall’utente durante la configurazione del dispositivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *