Con la compagnia Air si pedala in tutta sicurezza

La nuova sfida See.sense di proteggere ciclisti e biciclette con localizzatore, antifurto e allerta rischi in un piccolo dispositivo IoT

L’impegno See.sense per la sicurezza dei ciclisti sulle strade raggiunge un nuovo importante traguardo. Pioniere nelle potenzialità dell’intelligenza artificiale, la società nordirlandese applica ora i risultati della propria ricerca ad Air, dispositivo antifurto capace di combinare le tecnologie più evolute.

Il piccolo dispositivo pronto a trovare posto sotto la sella o attaccato a un porta borraccia, non si limita infatti a capitalizzare le competenze accumulate con l’intelligenza artificiale. I livelli di sicurezza raggiungibili con Air si affidano infatti anche al più tradizionale GPS e alle nuove soluzioni IoT.

Guardia del corpo discreta

L’insieme riesce ad andare oltre il semplice antifurto. Combinando le varie informazioni raccolte, per See.sense diventa infatti possibile capire se si tratti solo di uno spostamento occasionale di una bicicletta, senza brutte intenzioni. In caso contrario, è immediato l’invio di un allarme via SMS. Allo stesso tempo, viene attivato il tracciamento GPS e attivato un allarme sonoro.

Soprattutto, Air è pronto a trasformarsi in sistema prezioso in grado di riconoscere cadute e valutare il livello di pericolo della strada lungo la quale si sta pedalando, inviando i relativi allerta. Inoltre, il sistema di riconoscimento dello smartphone associato, permette di attivare e disattivare in automatico la modalità di protezione, passando a quella di legittimo utilizzo, e viceversa.

Sicurezza targata IoT

In 80 grammi il concentrato di tecnologie è particolarmente interessante. Importante sottolineare prima di tutto la totale assenza di una SIM e relativo abbonamento. La trasmissione avviene infatti attraverso la rete NB-IoT low power wide area network (LPWAN). Connettività presto disponibile anche in Italia, per la quale tuttavia facile prevedere servirà comunque un abbonamento dedicato.

Questo permette due aspetti importanti. Primo, superare i limiti nella copertura della rete cellulare. Quindi, poter contare sulle garanzie Air anche in zone remote. Secondo, la carica della batteria è questione di mesi e non più di giorni.

L’idea See.sense sembra piacere molto ai potenziali utenti. Il lancio di Air su Kickstarter ha infatti raggiunto risultati eccezionali. Nel giro di un paio di giorni, la prima sottoscrizione ha superato l’obiettivo minimo di quota cinquecento.

Con la consegna prevista a giugno 2020, il prezzo attualmente proposto per i sostenitori del progetto è di 89 sterline, a fronte di un listino ufficiale di 124 sterline, più 4 sterline per la spedizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *