Dietro la forma perfetta Garmin c’è vívoactive 4






Completi di GPS e musica, i nuovi smartwatch all’insegna dello sport accompagnano anche ogni altro momento del giorno e della notte

L’anteprima fēnix 6 solo pochi giorni fa era solamente un assaggio di quanto Garmin aveva in serbo per IFA 2019. In coincidenza con la rassegna berlinese infatti arriva un importante rinnovamento di gamma. Subito dietro all’evoluzione venu, per dimensione del potenziale bacino di utenza, si collocano i nuovi vívoactive 4 e vívoactive 4S.

Dispositivi dalle linee semplici, caratterizzati da una corona con due pulsati e schermo touchscreen sempre acceso inserito in una cassa da 40 mm (per il vívoactive 4S) e da 45 mm (per il vívoactive 4 ).

Come da tradizione Garmin, l’obiettivo vívoactive è proporre modelli versatili, utili tanto quanto l’attività di riferimento della serie, quanto in ogni altro momento della giornata,

Il traguardo è più vicino. In piena sicurezza

Completi di GPS, non a caso gli smartwatch integrano più di venti profili per attività sportive, con una quarantina di allenamenti animati dove viene mostrata sul display la corretta esecuzione.

A questo si aggiungono i piani di allenamento precaricati, altri disponibili per il download e la possibilità di crearne di propri personalizzati. Per i più ambiziosi e competitivi, resta naturalmente confermata la funzione Coach, un aiuto per prepararsi a  portare a termine con successo competizioni sulle distanze di 5 km, 10 km e della mezza maratona.

Meno scontata per il settore smartwatch, la funzione Incident Detection per il riconoscimento e rilevamento in caso di incidente durante l’attività sportiva e l’invio in tempo reale, via smartphone, di un messaggio di allarme con l’invio della posizione a contatti preselezionati.

Interessante anche Body Battery, la funzione vívoactive pensata per adattare i piani di allenamento non solo in base alle prestazioni, ma anche a seconda della carica di energia del corpo, combinando i dati raccolti dal rilevatore di stress, dall’HRV (le variazioni del battito cardiaco), dalla qualità del sonno e dell’ultima attività svolta .

Fattori dai quali scaturisce la stima del dato relativo alla propria riserva energetica, mostrata sul display. Se il valore è alto allora è il momento giusto per allenarsi, altrimenti è consigliato riposarsi.

Durante il riposo, tuttavia, i nuovi vívoactive 4 e vívoactive 4 S non si fermano. Il monitoraggio dei parametri fisiologici , permette in grado di stimare le fasi di sonno e tengono traccia del numero di respiri al minuto.

Unendo questi dati al livello di ossigenazione del sangue (attivati solo dopo aver ottenuto le relative certificazioni), rilevabile tramite il pulsossimetro integrato Pulse Ox , si può analizzare la qualità delle ore di riposo direttamente su Garmin Connect , tra sonno leggero, profondo e rem.

Un vívoactive non è solo per sport

Naturalmente, Garmin non si limita a curare gli aspetti funzionali, L’attenzione per i nuovi smartwatch è sta alta anche per il design. Il modello vívoactive 4 è disponibile nelle colorazioni Shadow Gray Silver e Black Slate, mentre il vívoactive 4 nelle varianti Power Gray Sil ver, Black Slate e White Rose Gold.

Il display è personalizzabile nelle interfacce, nei widget e negli sfondi con la possibilità anche di caricare le proprie foto come sfondo. La memoria interna permette di allinearsi ai modelli di fascia alta e ascoltare musica direttamente senza passare dallo smartphone, oppure sfruttare servizi di streaming.

In modalità standard, vívoactive 4 (con cassa da 45mm)  dichiara un’autonomia di otto giorni. Sfruttando le opzioni GPS e musica però, come prevedibile si scende drasticamente, fino a sei ore. Mettendo quindi in discussione la durata per le attività più impegnative.

Ancora meno,  garantisce vívoactive 4S in versione con cassa da 40 mm. In questo caso l’autonomia promessa è di sette giorni in modalità smartwatch e un massimo di cinque ore con GPS e musica attivi.

Di poco superiori alla media della categoria i prezzi, a partire da 279,99 euro.

Pubblicato il: 6 Settembre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *