La lente a contatto eMacula cambia le regole nella realtà virtuale






L’approccio diverso di Innovega al concetto di smartglasses abbina agli occhiali lenti a contatto specifiche e aumenta il realismo della visuale

L’entusiasmo legato a novità come realtà virtuale e realtà aumentata è tale da mettere in secondo piano uno dei problemi di fondo dell’attuale tecnologia. Per l’occhio umano è impossibile mettere a fuoco contemporaneamente il soggetto reale e quello virtuale visualizzato su degli smartglasses apochi centrimetri dall’occhio. Grazie a eMacula, la situazione è destinata però ad avere i giorni contati.

La chiave di volta è cambiare l’approccio al problema, e la soluzione neppure tanto complessa. Semplicemente, l’intuizione Innovega è combinare le proprietà di smartglasses neppure tanto insoliti a delle lenti a contatto specifiche. Vale a dire, in grado di consentire la piena messa a fuoco della visuale.

Per chi non ha mai provato le lenti a contatto, niente di cui preoccuparsi. Per quanto realizzate su misura e associate agli occhiali in un brevetto, l’applicazione di eMacula è come qualsiasi altro dispositivo per correggere la vista. La loro funzione è legata a due filtri all’interno. Uno per regolare la luce proveniente dallo schermo e il secondo per indirizzare quella in uscita dall’occhio.

Una nuova realtà

La convinzione Innovega è riuscire in questo modo a stravolgere le regole del settore. La visualizzazione dei contenuti resta un compito affidato per intero agli smartglasses. Il compito delle lenti a contatto è migliorare l’allineamento della visuale, in modo da aumentare il livello di realismo.

L’altro aspetto insolito di eMacula è negli smartglasses stessi. A differenza delle principali soluzioni proposte sinora, entrambe le lenti montano altrettanti visori, nella parte superiore. Un modo per migliorare il coinvolgimento di realtà virtuale e realtà aumentata, utile anche a distribuire meglio peso e ingombri al fine di ottenere un insieme più equilibrato.

In pratica, partendo direttamente dall’occhio, si allarga il raggio d’azione della componente artificiale della scena. La distanza tra la lente e la visuale contribuisce ad aumentare la profondità e quindi la sensazione di una vista reale. Sul come questo sia effettivamente reso possibile nel dettaglio, eMacula è ancora piuttosto generica, difendendo probabilmente il brevetto e le ultime fasi di sviluppo del progetto.

Serve un po’ di pazienza

Nel frattempo però, il sistema è già stato sottoposto alle autorità statunitensi per le necessarie certificazioni del caso. A garanzia di affidabilità, eMacula sottolinea la presenza nel team di sviluppo di numerosi specialisti. Al fianco degli scontati ingegneri, designer, informatici e meccanici, anche ottici, oculisti e fisici specializzati in ottica

Nonostante la finalità più suggestiva sia naturalmente quella ludica, con un maggiore coinvolgimento in scenari di gioco o avventura, eMacula ha sviluppato il progetto pensando molto anche al mondo professionale. Nella sfida dell’assistenza su impianti per esempio, poter contare su una messa  a fuoco migliore è certamente un vantaggio per l’operatore, ma anche una garanzia in più per la buona riuscita.

Al momento ancora nessuna certezza infine, su prezzo e tempi di arrivo sul mercato. Per quanto riguarda il primo, Innovega da per scontato un livello maggiore rispetto alla combinazione di lenti a contatto e smartglasses, anche se viene assicurato in misura contenuta. Per la data di rilascio, attualmente eMacula dipende anche dalla chiusura delle pratiche di certificazione già avviate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *