Semplicità e autonomia, Samsung aggiorna gli smartwatch






Aggiornamento del software per Galaxy Watch, Gear Sport e Gear S3 con interfaccia meno complessa e più opzioni per il fitness

Per i possessori di smartwatch Galaxy Watch, Gear Sport e Gear S3 di Samsung è in arrivo un aggiornamento del sistema operativo. In particolare, ridisegnata interfaccia One UI per migliorarne la fruibilità, con un layout ottimizzato. Già disponibile, sulla linea delle più recenti tendenze, l’aggiornamento offre anche nuovi quadranti e interviene su ottimizzazione della batteria e funzionalità per il monitoraggio di salute e fitness con Samsung Health.

La novità principale resta però One UI, all’insegna dell’essenzialità dove serve. Quindi, senza inutili distrazioni, nell’intento di migliorare la leggibilità, semplificare la navigazione e aumentare la facilità d’uso. Tra l’altro, la grafica aggiornata include animazioni per quando si raggiunge un risultato,

Inoltre, l’interfaccia aggiornata presenta nuove impostazioni avanzate, tra cui l’abilitazione/disabilitazione dell’attivazione touch, il controllo della frequenza e della tempistica degli aggiornamenti per il briefing giornaliero e l’attivazione/disattivazione della modalità Buonanotte a seconda delle abitudini personali.

Pronti, via. Senza troppi passaggi

In tema di fitness invece, per gli smartwatch Samsung al primo avvio dell’app, Health visualizza la schermata delle attività quotidiane, con un riepilogo immediato dei conteggi giornalieri di calorie, movimenti e allenamenti dell’utente.

Inoltre, il monitoraggio degli allenamenti è reso più veloce da selezionare sia sul widget sia nell’app Samsung Health, così da iniziare l’attività senza più passaggi superflui. L’aggiornamento include anche un allenamento aggiuntivo per il monitoraggio del nuoto all’aperto.

Rivisto anche il monitoraggio della frequenza cardiaca con un avviso che segnala se la frequenza cardiaca supera un livello predeterminato. Anche il monitoraggio del sonno è più dettagliato, mostrando l’intervallo di sonno medio rispetto a quello tipico per la relativa fascia d’età.

Infine, a tutela dell’autonomia, è possibile chiudere automaticamente le app in background e modificare le impostazioni che potrebbero influire sulla durata della batteria. È anche possibile personalizzare le impostazioni per il risparmio energetico, come regolazione della luminosità e timeout dello schermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *