Nei negozi Natuzzi, con gli Hololens la mixed reality è di casa

L’applicazione Hevolus trasforma la foto di un ambiente nell’anteprima di un arredamento

Quando si sostiene come realtà virtuale e mixed reality siano abbastanza mature da poter entrare nelle case di tutti, l’espressione può essere presa alla lettera. Crescono infatti rapidamente le applicazioni asupporto delle attività quotidiane, non necessariamente videogiochi.

www.AdamMullinsPhotography.com

Arredamento, progettazione o sicurezza sono solo alcuni dei campi nei quali un visore accompagnato da un buon software si sta già rivelando prezioso alleato per intervenire sul proprio ambiente domestico riducendo il pericolo di brutte sorprese quando si a che fare con muri, impianti e misure.

Particolarmente attiva nel settore si sta rivelando Hevolus. Alla recente edizione di SMAU infatti, l’azienda ha raccolto due importanti riconoscimenti per altrettanti progetti nel contesto del Premio Innovazione. Dopo un primo premio sul fronte delle tecnologie disruptive per la collaborazione con Würth a livello industriale, se ne affianca un secondo per una soluzione più vicina all’utente finale.

L’arredo giusto al posto giusto

Hevolus ha infatti visto riconosciuto il proprio impegno anche con Natuzzi per l’applicazione Photoplanner. In questo caso, dopo aver scattato una foto dell’ambiente domestico da arredare, il cliente può rivolgersi a un punto vendita Natuzzi per valutare all’istante l’impatto nel proprio ambiente domestici degli accessori esposti.

Questo, grazie a un visore Microsoft Hololens o altri strumenti in grado di supportare la Mixed Reality. Il cliente è quindi libero di scegliere i modelli Natuzzi desiderati, posizionarli nell’ambientazione fotografato, esplorandoli in ogni parte e testando la gamma disponibile di colori e materiali.

Per Natuzzi però, Photoplanner vuole essere solo il primo passo di un progetto denominato NNCE – Natuzzi New Customer Experience. Un processo di innovazione digitale a 360 gradi mirato al coinvolgimento del cliente e al miglioramento del servizio offerto in negozio.

L’obiettivo è ottenere due risultati particolarmente strategici: ridurre i tempi di decisione del cliente finale e migliorare il tasso di conversione degli ordini dei propri rivenditori.

Pubblicato il: 26 ottobre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.