Sempre più contactless per Mastercard, grazie anche ai wearable

Un pagamento su due in Italia, ormai eseguito con i sistemi di pagamento elettronico più evoluti

Più ancora della portata del cambiamento, la semplicità è la chiave per il successo di una tecnologia. Si può spiegare così la rapida crescita di consensi verso i pagamenti contactless, soprattutto dopo una diffidenza ancora difficile da superare nei confronti della carte di pagamento. Aspetto da non sottovalutare, con una probabile spinta dovuta alla diffusione dei sistemi di pagamento su smartphone e smartwatch.

Mastercard registra infatti un importante traguardo in Italia. Una transazione su due è ormai eseguita con strumenti contactless. Per l’operatore, significa una crescita del 125% in termini di operazioni e del 109% in termini di volume rispetto allo scorso anno. Inoltre, le carte contactless diffuse nel nostro paese sono oltre 35 milioni.

Le categorie merceologiche che trainano la crescita del contactless in Italia sono le stazioni di rifornimento carburante, con un aumento del 163% delle transazioni rispetto al 2017, il settore dell’elettronica (+145%) e la grande distribuzione con un aumento del 137%. Seguono il settore della ristorazione (+116%), dell’arredamento (+51%) e dell’abbigliamento (+38%).

Importante anche il contributo frutto dell’accordo con il Comune di Milano e ATM, integrandola come sistema per l’utilizzo diretto del trasporto pubblico locale metropolitano, direttamente ai tornelli.

Anche in Europa, il contactless registra una continua crescita, confermandosi come tecnologia di pagamento più utilizzato nella storia del continente, con una transazione con carta in-store su due effettuata attraverso questo sistema di pagamento e un aumento del 97% delle transazioni contactless dall’inizio dell’anno.

Pubblicato il: 22 ottobre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.