L’olografia Creative trasporta le cuffie nella dimensione reale

Primo frutto della rivoluzionaria tecnologia Super X-Fi, le SXFI AMP adattano il suono al singolo orecchio

È l’olografia la nuova carta giocata da Creative nel campo delle cuffie. Una mossa intenzionata a cambiare le regole del settore, mutando radicalmente l’approccio. Super X-Fi. È infatti la nuova serie di diffusori sonori indossabili sviluppata per riprodurre in cuffia l’ascolto di un suono simile a quello ambientale. superando cioè musica e audio proiettati direttamente all’interno dell’orecchio in modo non del tutto naturale.

Un principio molto più facile da provare che da descrivere, mostrato in anteprima da Creative a Las Vegas in occasione dello scorso CES di gennaio. I riscontri particolarmente favorevoli, oltre ai premi, hanno indotto a stringere i tempi per concludere il progetto e arrivare a SXFI AMP, versione inzialmente dedicata al mondo Android. Per gli utenti Apple, ci sarà da aspettare qualche settimana in più, prima di assistere all’arrivo di SXFI AIR.

Il risultato, sono le prime cuffie olografiche, in grado di combinare la tecnologia Super X-Fi a un amplificatore dedicato, in un dispositivo non più grande di un dito. Soprattutto, andare oltre i tradizionali sistemi surround o 3D audio. Per chi è disposto ad accettare la sfida, il costo è di 149,99 dollari.

Non solo cuffie

SXFI AMP è quindi anche un amplificatore ad alte prestazioni in grado di pilotare le cuffie da studio. Il sistema si collega direttamente ai dispositivi con una connessione USB Type-C e agli altri utilizzando adattatori.

Le cuffie integrano un chip Super X-Fi Ultra DSP per elaborare l’audio digitale incontaminato dalla porta USB in base al profilo Super X-Fi. Tale suono digitale viene quindi convertito in analogico da un DAC ad alta precisione e incrementato dall’amplificatore integrato. L’uscita amplificata va in cuffia attraverso un jack da 3,5 mm all’altra estremità.

L’amplificatore delle Creative SXFI AMP è in grado di gestire qualsiasi cuffia, fino a quelle da studio con impedenza da 600 ohm. Utilizza un DAC AKM a 32 bit ad alta precisione da 128 dB high-end separato. Questo, al fine di ottenere la massima fedeltà audio e una qualità incontaminata fino a 120 dB SNR e 0,0003% THD,

 

Come funziona Super X-Fi

Profondità, dettagli, sonoro, tridimensionalità, immersività, sono in genere gli attributi di un sonoro definito di qualità diffuso da sistemi complessi, come un home theathre. L’obiettivo dell’olografia è esattamente riprodurre queste sensazioni in cuffia.

La tecnologia Super X-Fi associa l’acustica distinta di un sistema audio e proietta il suono all’orecchio umano nello spazio tridimensionale. In estrema sintesi, traduce in modo intelligente informazioni complesse.

Inoltre, ognuno sente un suono diverso nel mondo reale, a seconda della forma delle proprie orecchie e della struttura della propria testa. Super X-Fi utilizza l’Intelligenza artificiale per mappare la forma dell’orecchio dell’individuo e il profilo della testa, Utilizza quindi un algoritmo particolare per trasformare e personalizzare l’audio su misura per ciascun individuo, così da rendere la riproduzione simile alla sensazione provata nel mondo reale.

Pubblicato il: 28 Settembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.