Tappa dopo tappa, la tecnologia aiuta a vivere il Tour de France da protagonisti

Così Dimension Data migliora le funzioni utili a seguire ogni corridore e ogni momento della corsa

Da un’iniziativa all’apparenza semplice, con la giusta combinazione di competenze e creatività possono nascere progetti molto complessi e articolati. A condizione di riuscire a nascondere all’utente finale la tecnologia estremamente complessa sottostante e l’immensa mole di lavoro per tradurla da argomento tecnico esclusivo a strumento alla portata di chiunque.

Questo sta riuscendo a realizzare Dimension Data in collaborazione con Amaury Sport Organisation, più nota come A.S.O., ma conosciuta soprattutto come società organizzatrice del Tour de France. Da qualche anno infatti, sulle biciclette dei corridori sono stati montati dei piccoli segnalatori in grado di trasmettere una serie di dati in ogni momento. Dai più usuali velocità e posizione, ai più evoluti battito cardiaco, cadenza di pedalata e tanto altro ancora. Moltiplicato per la durata di una tappa e per il numero di corridori, significa prima di tutto una quantità enorme di informazioni da riuscire a catturare via wireless in contesti non sempre favorevoli. Si stimano infatti in 150 milioni i dati raccolti ed elaborati in ogni tappa. Soprattutto però, rappresentano una risorsa incomparabile per una serie di informazioni da sfruttare in fase di telecronaca e servizi offerti ai media e agli appassionati.

Un aspetto che acquista importanza ancora maggiore di fronte alla volontà di allargare l’audience della manifestazione, guardano in modo particolare ai più giovani. I ragazzi in età compresa tra i 18 e i 35 anni rappresentano infatti il 73% dei 6,5 milioni di spettatori social del Tour de France.

Grazie a questa innovazione, A.S.O. ha già ottenuto importanti riscontri per tutte la proprie piattaforme digitali. I visitatori del sito Web hanno registrato un incremento annuale del 15%, mentre Ie visite dei video online del Tour de France sono cresciute da 6 milioni, del 2014, a 71 milioni, del 2017

Lo scorso anno Dimension Data aveva introdotto il machine learning per prevedere i possibili risultati di gara, mentre quest’anno per la prima volta,  trasmissioni televisive potranno mandare in onda anche frammenti di dati social, fornendo ai fan visualizzazioni giornaliere dei dati in tempo reale attraverso i canali social ufficiali, come @letourdata.

La piattaforma Race Centre consente ai tifosi di tracciare in tempo reale la posizione e la velocità dei propri ciclisti preferiti. Inoltre, è possibile accedere  ai risultati relativi alle variabili di gara, quali le condizioni atmosferiche e del percorso ed essere aggiornati in merito a previsioni accurate relative ai ciclisti favoritivi delle varie tappe, ai tempi di arrivo previsti per le tappe della corsa più importanti e il momento in cui il gruppo principale di corridori raggiungerà i ciclisti in fuga. Un ultima novità prevede la mappatura 3D della realtà aumentata e algoritmi avanzati per previsioni di gara ancora più precise.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *