Sulla strada della salute, Fitbit e Google vanno a braccetto

Importante accordo per combinare dispositivi e cloud alla ricerca di maggiore autorevolezza in ambito medico

Settore tra i più promettenti quando si parla di wearable, la Sanità si sta però rivelando un terreno di conquista più difficile del previsto. La ragione principale, una richiesta di affidabilità assoluta, neppure paragonabile a quella dei comuni dispositivi consumer. Le aziende attive nel settore sono infatti poche se paragonate a quelle presenti nel mondi smartwatch, tracker e simili, e molto più specializzate, per l’indispensabile maggiore focalizzazione richiesta in fase di ricerca.

La Sanità resta però un mercato comunque importante, con grandi prospettive di guadagni e soprattutto ancora praticamente alle origini. Non stupisce quindi un accordo non del tutto scontato tra due protagonisti del mondo consumer. Fitbit e Google hanno infatti deciso di avviare una stretta collaborazione.

Le due aziende stanno esplorando lo sviluppo di soluzioni per la salute rivolti a utenti finali e aziende. In particolare, Fitbit intende utilizzare la nuova Cloud Healthcare API di Google, la nuova interfaccia di programmazione dedicata al settore della salute, per supportare l’azienda a integrarsi ulteriormente all’interno del sistema sanitario, collegando per esempio i dati degli utenti alle cartelle cliniche elettroniche.

L’idea è infatti che la combinazione dei dati Fitbit con quelli contenuti nelle cartelle cliniche possa fornire a pazienti e medici una visione più ampia e completa del profilo del paziente, portando quindi all’adozione di cure più personalizzate e appropriate.

Le aziende potranno inoltre godere di strumenti utili a una migliore gestione delle condizioni derivanti da patologie croniche come il diabete e l’ipertensione utilizzando servizi come Twine Health, società recentemente acquisita da Fitbit. Grazie alla nuova Cloud Healthcare API, Twine Health promette infatti di semplificare e agevolare la comunicazione tra medici e pazienti sulla terapia, migliorando così il percorso terapeutico e generando benefici per i datori di lavoro, i piani sanitari e gli ospedali.

Per accelerare i tempi, Fitbit passerà alla piattaforma cloud di Google per innovare e promuovere i propri prodotti e servizi. Dal canto suo, Google fornirà l’ultima generazione di servizi cloud nonché  supporto tecnico dedicato. In particolare, il produttore di smartwatch intende sfruttare le funzionalità di Intelligenza Artificiale e di apprendimento automatico del partner per fornire dati e informazioni più significativi ai consumatori  aiutandoli così a ottenere risultati positivi in termini di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.